Centri estivi in casa di riposo, esperimento perfettamente riuscito

Centri estivi a Casa Marani, buona la prima! Bambini e anziani hanno trascorso due mesi insieme, condividendo momenti di gioia e di crescita. Per la struttura di Villorba un altro passo verso la “Family -Audit”

I centri estivi

“Maestra, io cosa farò da lunedì?”. Non ci credevano, venerdì 2 agosto, i bambini che hanno frequentato il Centro Estivo di Casa Marani, che quello sarebbe stato l’ultimo giorno e che il lunedì successivo non sarebbero tornati per iniziare una nuova settimana di attività insieme alle educatrici e ai “loro” nonni. Anche le mamme che sono riuscite a partecipare alla festa finale avevano gli occhi lucidi per la commozione. M. e P. hanno voluto scegliere personalmente la piantina da regalare alle educatrici e ci hanno anche messo sopra una macchinina. Le educatrici di Casa Marani hanno scelto di provare, insieme alla direzione e a tutto lo staff, questa nuova esperienza per accogliere bambini e bambine dopo la fine dell’anno scolastico e i tanti ringraziamenti ricevuti ci fanno dire: buona la prima!

Al Centro Estivo di Casa Marani hanno partecipato 13 bambine/bambini, per ben 8 settimane, dal 10 giugno al 2 agosto ed è stata una risposta molto importante per le famiglie che, terminata la scuola, spesso sono in difficoltà nella gestione dei figli. L’iniziativa è stata progettata nell’ambito del percorso di certificazione “Family-Audit”, attraverso il quale Casa Marani sta attivando modalità organizzative e progetti innovativi per favorire la conciliazione famiglia-lavoro del personale dipendente. Il valore aggiunto è quello di avere aperto i Centri Estivi non solo ai figli di chi lavora a vario titolo nella struttura, ma a tutti i bambini dai 3 agli 11 anni del territorio. Un angolo green, favorito dalla bellezza del parco di Casa Marani, che rappresenta un’autentica novità proprio per l’integrazione delle attività sviluppate con i bambini insieme agli anziani. Sul piano organizzativo è bastato chiedere la disponibilità ad una delle educatrici della struttura, che normalmente svolge un orario a part-time, di potenziare la sua presenza, dedicandosi al Centro Estivo. In questo modo sono aumentate anche le ore di presenza da dedicare agli ospiti della struttura.

DSCN6955-2

Le attività proposte ai più piccoli sono state integrate con quelle già programmate per gli anziani e ogni bambino, sperimentandole tutte, ha trovato il suo spazio e individuato attività in cui cimentarsi con grande soddisfazione. La carta vincente è stata l’integrazione tra bambini ed anziani che ha stimolato la creatività, la voglia di comunicare le proprie esperienze, di raccontarsi, di conoscere le storie di una volta. I bambini erano rapiti dai racconti degli anziani ed hanno avuto la possibilità di avvicinarsi ad una realtà di cui non avevano la minima conoscenza.

Agli anziani stanno già mancando le voci dei bambini, le loro corse, la vitalità che solo loro sanno esprimere. A molti ospiti sembrava di essere a casa propria con i nipoti che giravano intorno! Per i bambini poi, c’era la mitica merenda, abbondante e salutare, offerta da Serenissima Ristorazione, molto apprezzata perché dopo l’impegno nelle attività e nel gioco libero l’appetito si faceva sentire. Un ringraziamento particolare va alle educatrici che con pazienza hanno accolto i bambini e li hanno accompagnati in questa bella esperienza e a tutti coloro che hanno dato il loro contributo. Siamo certi che sia un’attività da ripetere e potenziare, estendendola all’intera giornata. Una conferma dell’impegno di Casa Marani nel dare un contributo tangibile allo sviluppo della Comunità nel territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al ritorno dalla discoteca, Alberto Antonello positivo alla cannabis

  • Donna viene investita da un'auto e muore: è caccia al pirata della strada

  • Troppo grande la sofferenza per la malattia: ex assessore comunale si toglie la vita

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Si era dato fuoco di fronte al "Per Bacco", muore dopo cinque giorni di agonia

Torna su
TrevisoToday è in caricamento