Vittorio Veneto: annullato l'incontro sulla Siria con l'associazione vicina a Casapound

La tavola rotonda in programma venerdì 13 dicembre al Museo della battaglia è stata annullata dopo le numerose polemiche degli ultimi giorni per la partecipazione di Sol.Id

La tavola rotonda prevista per venerdì 13 dicembre dedicata alla “Guerra in Siria”, nonostante il permanente sostegno del Comune, è stata sospesa per «evitare il clima di strumentalizzazione politica basato sulla diffusione preventiva e sistematica di informazioni non corrispondenti al vero e contrario all'approfondimento culturale perseguito dagli organizzatori».

La scelta è stata presa proprio da Historia, l'associazione che aveva deciso di organizzare l'evento. Ad annunciarlo è il Comune di Vittorio Veneto finito al centro di un'accesa polemica per aver concesso il patrocinio di una sala del Museo della battaglia a una conferenza che vedeva, tra i partecipanti, anche un'associazione vicina a Casapound. Gli organizzatori del convegno, l'associazione Historia, avevano precisato fin da subito che l'iniziativa non avrebbe previsto nessun intervento legato al partito di estrema destra ma le critiche arrivate dalle opposizioni e il dilagare delle notizie hanno costretto l'organizzazione a cancellare l'evento in programma domani. La quinta edizione degli aggiornamenti sulla guerra al Museo della Battaglia di Vittorio Veneto, realizzata dal Gruppo Studi Storici e Sociali Historia, era iniziata con una prima conferenza il 15 novembre sulla guerra tecnologica dei droni e dei malware ed era proseguita il 6 dicembre con lo studio del rapporto tra il terrorismo jihādista e i media. Un incontro che ha visto la partecipazione di docenti universitari vincitori di bandi nazionali ed internazionali di ricerca, un generale di corpo d’armata esperto di geopolitica e uno scrittore. Il terzo appuntamento avrebbe dovuto essere proprio la tavola rotonda sulla Siria ma la vicinanza a Casapound ha fatto cambiare idea agli organizzatori. Il prossimo appuntamento di Historia sarà a Pordenone e a Udine fra qualche giorno con Aureli Argemì, già segretario dell’abate Escarrè del monastero benedettino di Monserrat costretto da Franco all'esilio, dal 1965 al 1968, anno della morte. Per Vittorio Veneto l’appuntamento che Historia propone è per il 2020 con il XXIV corso di geopolitica, primo in Italia per successo e longevità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saluta il figlio, poi il tragico malore in casa: muore a 46 anni

  • Accende la stufa a pellet con l'alcool, 31enne gravemente ustionata

  • Male incurabile: addio a Sonia Scattolin, segretaria della Regione

  • Malore improvviso in casa porta via alla vita Irene, 46enne madre di famiglia

  • Esce per un controllo delle lepri: muore stroncato da un infarto

  • Blitz antidroga della polizia locale sui bus degli studenti del "Turazza"

Torna su
TrevisoToday è in caricamento