Giovani e politici ripuliscono la stazione di Montebelluna

Lodevole iniziativa nella mattinata di sabato 7 luglio. Un gruppo di giovani e volontari legati al mondo della politica locale ha riverniciato il sottopasso della stazione ferroviaria

Foto di Giulio Guarini

MONTEBELLUNA Fare politica dovrebbbe essere inteso come un servizio per la comunità ed è questo quello che hanno fatto alcuni esponenti del Partito Democratico di Montebelluna nella mattinata di sabato 7 luglio, mettendo a loro modo in pratica l'iniziativa delle magliette rosse pro accoglienza, sostenuta da Libera in segno di solidarietà collettiva e di recupero dei valori di umanità nella nostra società.

Davide Quaggiotto, Laura Puppato, Gianpaolo Favretto e alcuni altri giovani militanti con la passione per la politica hanno deciso di rimboccarsi le maniche imbiancando e pulendo il sottopasso della stazione di Montebelluna e il parco Manin. Un lavoro spontaneo, andato avanti per tutta la mattinata e conclusosi con la rimozione di gran parte dei graffiti presenti sui muri del sottopasso. L'iniziativa ha suscitato il plauso di numerosi cittadini che hanno voluto complimentarsi con gli attivisti montebellunesi per il bell'esempio di educazione civica fornito a tutta la cittadinanza per il bene dell'intera città.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Foto di Giulio Guarini_1-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Famiglia Zoppas in lutto: morto a soli 55 anni il noto manager Marco Colognese

  • «Prima smaltite ferie e permessi». Negata la cassa integrazione al Solnidò di Villorba

  • Coronavirus, oltre 10mila contagi in Veneto: cinque morti nella Marca

  • Finisce in acqua mentre gioca in giardino, bimba di due anni muore annegata

  • Scopre agricoltore che sversa liquami nel fosso: viene preso a martellate

  • Passeggia a 150 metri da casa: multato dalla polizia stradale

Torna su
TrevisoToday è in caricamento