Zaia: «Il 2019 sarà l'anno dell'autonomia e delle Olimpiadi di Cortina»

Le altre partite del governatore Luca Zaia: la candidatura delle Colline del Prosecco a Patrimonio Universale dell'Unesco, dell'avanzamento della Superstrada Pedemontana Veneta

«Il 2019 sarà l'anno dell'Autonomia, delle Olimpiadi invernali Milano-Cortina 2026, del grande lavoro per la rinascita della montagna travolta dal tornado di fine ottobre, del rilancio della candidatura delle Colline del Prosecco a Patrimonio Universale dell'Unesco, dell'avanzamento della Superstrada Pedemontana Veneta e di altre opere pubbliche necessarie al Veneto e ai Veneti, dell'inizio del cammino della nuova riforma della sanità delineata con l'approvazione del Piano Socio Sanitario 2019-2023». Sono questi i principali temi sui quali si è intrattenuto il Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, nel tradizionale incontro di fine anno con il mondo dell'informazione, tenutosi a Palazzo Balbi, sede della Giunta regionale a Venezia.

«Il referendum sull'Autonomia dell'ottobre 2017 - ha sottolineato il Governatore - ha segnato tutto il 2018 con un grande lavoro istruttorio e segnerà ancor di più il 2019, perché siamo riusciti a smuovere lo stagno nazionale delle riforme e ora il nostro progetto è sul tavolo del Governo. Per noi, pacificamente parlando, è la madre di tutte le battaglie, ma anche per il Governo nazionale è una grande opportunità, perché passerà alla storia come l'Esecutivo che ha riscritto la storia della Nazione, con l'autonomia resa fattore di sviluppo non solo per questa o quella Regione, ma per tutta Italia».

«Il 2018 - ha aggiunto Zaia - si è concluso con la tragedia dei danni del maltempo, che abbiamo già quantificato in un miliardo 769 milioni di euro, ma l'anno che sta per arrivare dovrà essere quello della rinascita della nostra montagna. In questa partita il Governo c'è, e i finanziamenti hanno cominciato ad arrivare e continueranno a farlo nel prossimo biennio. Poi c'è la grande gara di solidarietà di cittadini e imprese, non ancora finita, che ha già portato altri aiuti per quasi 3 milioni di euro. Anche grazie all'attenzione che ci hanno dedicato i media regionali, capaci di portare all'attenzione nazionale una tragedia che rischiava di rimanere relegata ai margini, tutti si sono resi conto di cosa sia successo nelle vallate, al punto che le Regioni che avrebbero potuto beneficiare dei proventi dell'sms solidale, hanno deciso con grande sensibilità di lasciare tutto al Veneto». «Della rinascita della Montagna - ha proseguito Zaia - fa parte anche la grande partita della candidatura di Milano-Cortina a ospitare le Olimpiadi Invernali del 2026. Dobbiamo continuare a fare squadra con la stessa convinzione e intensità che ci ha portato avanti fino al successo della presentazione al Cio a Tokio, perché l'avversaria, Stoccolma, è molto forte. Se riusciremo a vincere questo insidioso slalom speciale, potremo davvero parlare di rinascita della montagna veneta».

Ottimismo e convinzione, da parte del Governatore del Veneto, anche sulla partita delle opere pubbliche: «La Superstrada Pedemontana - ha detto - è già realizzata per il 56% e, quando sarà terminata, cambierà l'intero modo di pensare la mobilità del Veneto, con un impatto positivo su una realtà che produce il Pil più forte d'Italia, e sulla vita quotidiana e gli spostamenti anche delle popolazioni che risiedono lungo l'itinerario. Sono anche in arrivo importanti novità sul fronte ferroviario. In generale - ha aggiunto - siamo assolutamente favorevoli a proseguire nella realizzazione di opere pubbliche progettate per il bene del territorio, dell'economia e dei cittadini, che ci hanno votato anche per vederle realizzate». «Il 2019 - secondo Zaia - può segnare una svolta anche per la candidatura Unesco delle Colline del Prosecco. Abbiamo un Comitato scientifico di elevata caratura internazionale; il dossier è stato ricalibrato al meglio negli ultimi mesi e sta per essere stampato e ufficializzato. Sia chiaro - ha precisato - che non stiamo parlando di vino, ma di un paesaggio unico e di una straordinaria cultura che merita la valorizzazione Unesco».

Ringraziando il Presidente Roberto Ciambetti, tutti i gruppi e i consiglieri della maggioranza, ma anche quelli dell'opposizione, definita ''sempre propositiva'', Zaia ha posto l'accento sulla ''straordinaria produttività'' del Consiglio Regionale e sulla concretezza del lavoro di tutti gli assessori della sua Giunta: «Abbiamo varato, discusso e approvato - ha detto - tanti provvedimenti di grande importanza in tempi tanto brevi da poter essere considerati un simbolo di buona amministrazione. Basti pensare - ha detto facendo un paio di esempi - al bilancio 2019, approvato con largo anticipo sulla fine del 2018, e alla nuova riforma della sanità veneta con l'ok al Piano Socio Sanitario 2019-2023, una vera e propria road map che guiderà il Veneto verso nuovi traguardi di modernizzazione e di cure sempre più diffuse e incisive». Zaia ha infine citato alcuni ''record'' della sua amministrazione come auspicio per il futuro da rendere ancora migliore: «Non dimentichiamo - ha detto - che abbiamo saputo utilizzare il 100% dei fondi europei a nostra disposizione, che l'agricoltura del Veneto è risultata il settore miglior pagatore d'Italia, che la nostra sanità è stata promossa dal ministero della Salute per aver saputo erogare al 100% i Livelli Essenziali di Assistenza, tutte quelle cure che dovrebbero essere garantite in tutta Italia sulla base della Costituzione».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma nei bagni del McDonald's: trovato morto un 44enne, si sospetta l'overdose

  • Virus incurabile, cantante trevigiana muore a 51 anni

  • Dispositivo anti telelaser in auto, maxi multa per un 32enne

  • Suicidio all'Hotel Treviso, 47enne trovato senza vita nella sua stanza

  • Travolto da un'auto mentre era in bicicletta: morto un ciclista 40enne

  • Il figlio muore per una malattia rara, padre si toglie la vita

Torna su
TrevisoToday è in caricamento