Roncade, raid dei ladri nella notte. Il sindaco: «No all'uso delle armi»

Il sindaco Zottarelli lancia l'appello: «Capisco la preoccupazione, ma meglio dotarsi di allarmi e denunciare sempre. Così i malviventi finiscono in manette»

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Tre tentativi di furto nella notte nelle zone di tra Ca' Tron, via Belvedere al confine con Silea e a Vallio. Succede a Roncade, dove il sindaco Pieranna Zottarelli da questa mattina è in continuo contatto con i carabinieri che stanno dando la caccia alla banda che sta seminando il panico tra gli abitanti della Marca.

Dalle feste di Ognissanti infatti a Roncade, ma anche in altri comuni della provincia, c'è stata una forte concentrazione di furti sventati grazie all'intervento delle forze dell'ordine, ma anche grazie difese passive dei cittadini che hanno dotato le proprie abitazioni di allarmi. E' stato proprio grazie ai sistemi di sicurezza, collegati direttamente con gli uomini dell'Arma, che i malviventi si sono allontanati dalle abitazioni non riuscendo a mettere a segno i colpi.

Allarmi e controllo del vicinato sono gli strumenti di difesa che anche secondo il sindaco Zottarelli possono contribuire ad evitare che i ladri falliscano nei loro tentativi di furto. Sull'uso delle armi invece il sindaco è cauto: «Capisco le preoccupazioni - dice il primo cittadino - tuttavia meglio evitare di dotarsi di armi, correndo così il rischio di fare del male a se stessi o ai propri familiari».  

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • si finiscono in manette per qualche giorno o ora …...

Potrebbe Interessarti

  • Video

    Il centro di Treviso si illumina per il Natale: in migliaia presenti per l'accensione dell'albero

  • Video

    Rifiuti e riciclo: il vicepremier Di Maio sorpreso dall'efficienza di Contarina

  • Attualità

    Il black friday da incubo di Canal

  • Video

    Intimità violata: dalla Marca la petizione per chiedere una legge contro il "revenge porn"

Torna su
TrevisoToday è in caricamento