Cia-Conad continua a crescere: in Veneto 850 impiegati e 25 negozi

Per il 60esimo anniversario della cooperativa verranno installati 17 defibrillatori nei negozi del Veneto. La cooperativa ha acquisito Auchan all'interno del sistema Conad nazionale

Nel 2018 Commercianti Indipendenti Associati - Conad ha rafforzato la propria presenza nel mercato, in controtendenza rispetto al trend negativo della distribuzione organizzata: +2,68% la crescita a rete omogenea sui 12 mesi, +3,53% a rete corrente (cioè includendo le nuove aperture). In Veneto Cia-Conad è presente con 25 punti vendita (1 a Belluno, 7 a Padova, 1 a Rovigo, 9 a Treviso e 7 a Venezia). Gli occupati nella regione sono più di 850, di cui una quarantina soci persone fisiche.

«I nostri 60 anni sono un punto di partenza per nuove e importanti sfide. Il futuro ci attende, andiamolo a prendere», ha detto l'amministratore delegato Luca Panzavolta all'assemblea dei soci svoltasi nelle scorse ore. Panzavolta ha sottolineato che la cooperativa partecipa, all'interno del sistema Conad nazionale, all'operazione di acquisizione di Auchan e ha un piano di investimenti triennale di oltre 300 milioni di euro. Nell’anno appena trascorso i 220 negozi della rete in Romagna, Marche, Veneto e Friuli Venezia Giulia, hanno battuto oltre 76 milioni di scontrini e prodotto vendite alle casse per circa 1,65 miliardi di euro inclusi bar/ristoranti, petstore e distributori di carburante. Nel complesso lavorano, tra negozi e cooperativa, oltre 7.200 persone, in larga prevalenza donne (62%), con una crescita di quasi 400 posti di lavoro rispetto all’anno precedente e il 95% di contratti a tempo indeterminato.

Tra le iniziative in programma “Il cliente ci sta a cuore”, progetto grazie a cui verranno installati 139 defibrillatori, di cui 17 nei negozi del Veneto (1 a Belluno, 5 a Padova, 4 a Venezia, 6 a Treviso e 1 a Rovigo). Nel 2018 Commercianti Indipendenti Associati e i soci Conad hanno confermato l'im­pegno a sostegno di scuola, sport, solidarietà, con liberalità e sponsorizzazioni per un valore complessivo di oltre 1,8 milioni, ai quali si aggiungono i circa 2,2 milioni di merce vicina a scadenza recuperata sulla rete e destinata alle onlus per fini solidaristici. Tantissimi i progetti in campo, con partner importanti per la prevenzione come San Patrignano, l’Istituto Oncologico Romagnolo, il Centro di Riferimento Oncologico di Aviano e Maratona Alzheimer.

Potrebbe interessarti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • Malattia incurabile: morto il titolare della pizzeria "Da Gennaro"

  • Bambina di tre anni "dimenticata" all'interno di uno scuolabus

I più letti della settimana

  • Spaventoso rogo in una autodemolizione, a Fiera torna l'incubo

  • «Lo ha fatto apposta, ha sterzato di colpo contro l'altra macchina»

  • Prostitute a casa dei clienti, 200 euro a prestazione: tra le squillo anche una minorenne

  • Carambola tra cinque auto e un camion sulla Feltrina, quattro feriti

  • Malattia incurabile: papà trevigiano muore a soli 38 anni

  • L'addio a "Pina", il marito: «Farò di tutto perché sia fatta giustizia»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento