Qualità sostenibile: Collalto ottiene la certificazione Sqnpi

L'azienda agricola di Susegana ha raggiunto un importante traguardo legato alla produzione integrata. Un percorso iniziato nel 2017 e conclusosi con un prestigioso riconoscimento

Il castello di Susegana e i vigneti Collalto (Foto d'archivio)

Ancora un traguardo importante per l’azienda agricola Conte Collalto di Susegana: l’ottenimento della certificazione SQNPI (Sistema di Qualità Nazionale di Produzione Integrata), rappresentata da un logo raffigurante un’ape, simbolo di operosità ma anche indice di un ambiente incontaminato. 

Un risultato che è frutto di anni di lavoro e sperimentazione nei vigneti aziendali, guidato dall’agronomo Mirco De Pieri e dal team di agronomi “Uva sapiens”. Un lavoro complesso e impegnativo, cominciato nella primavera del 2017 nei vigneti di Glera con la zonazione, l’introduzione del diserbo meccanico anziché chimico, la totale eliminazione del glifosate e l’utilizzo di prodotti fitofarmaci ammessi anche dal disciplinare del biologico. Inoltre, per ogni vigneto vengono tracciate le “curve di maturazione” che consentono di individuare il giusto punto di maturazione dell’uva. Il progetto è stato poi esteso a tutta la proprietà terriera e alla cantina, nella quale si dedica sempre maggior attenzione alla suddivisione dei carichi d’uva e alla vinificazione e all’accurata selezione di ogni singolo lotto di vino grazie alla perizia degli enologi aziendali. Dalla prossima annata tutte le retroetichette dei vini Collalto riporteranno quindi il logo SQNPI, oltre al simbolo “Recycle” che certifica il costante impegno della Cantina verso la sostenibilità ambientale ed energetica: un’ulteriore garanzia di qualità per il consumatore.

Logo_SQNPI-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata cadavere Rosanna Sapori, giornalista «scomoda» del Nordest

  • Tragedia da "Ciao bei": aiuto cuoco muore per un malore

  • Detrazioni fiscali: tracciabilità obbligatoria per le spese del 2020

  • Cadavere affiora dal Monticano, è il corpo di Marco Dal Ben

  • Diabete e retinopatia, il prof. Bandello: "Siamo all'avanguardia, ma ancora pochi screening"

  • Chiudono "Rosa e Baffo" e pub "Rosa": piazza di Bonisiolo deserta

Torna su
TrevisoToday è in caricamento