Dba Group porterà la fibra ottica in Azerbaigian

L'azienda di Villorba ha ricevuto un'importante commessa dal Ministero delle Telecomunicazioni per la realizzazione della banda ultra larga nel Caucaso e a Baku

Dba Group ha ottenuto una commessa da 300 mila euro dal Ministero dei Trasporti, delle Telecomunicazioni e Hi-Technologies dell’Azerbaigian per la consulenza sulla costruzione della rete in fibra ottica nella capitale Baku da realizzare nel corso del 2019. 

Nei primi mesi del 2018 lo stesso Ministero aveva incaricato Dba Group di svolgere un audit sulle procedure e i processi utilizzati per la realizzazione delle reti FTTH (Fibre to The Home) con tecnologia GPON (Gigabit Passive Optical Network). A seguito dell’apprezzamento per il lavoro svolto durante l’audit, il Ministero ha deciso di affidare a Dba Group una commessa per servizi di consulenza volti ad identificare aree di miglioramento e intervento nel processo di realizzazione ed aiutare il committente a rendere il sistema azero della banda ultra larga più performante ed efficiente. Il team di Dba si occuperà anche di revisionare la normativa tecnica applicabile alla progettazione civile delle reti del Paese, oggi risalente agli anni 80-90, e di proporre variazioni e migliorie in linea con gli standard europei. Infine il Ministero ha affidato a Dba Group una attività di consulenza commerciale per identificare le aree più idonee su cui realizzare i collegamenti in fibra ottica e per una migliore pianificazione del processo di copertura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il presidente di Dba Group Francesco De Bettin ha dichiarato: «E' per noi un onore ricevere questo prestigioso incarico dal Ministero dell’Azerbaigian che ci consentirà di continuare a lavorare nel Paese dove siamo già presenti grazie a commesse nel settore portuale e infrastrutturale. Porteremo il know-how italiano nel Caucaso e, visti i risultati dell’audit, è nostra intenzione proporre al Ministero anche l’adozione di software che consentano di gestire i processi di realizzazione in maniera veloce ed efficiente. E’ una conferma della continua crescita del nostro gruppo, come dimostrano anche i dati al 23 novembre scorso e relativi al valore residuo dei contratti pluriennali in corso in Italia ed all'estero e che ammontano oggi a circa 37 milioni di euro. Conforta inoltre la crescita media del valore della produzione registrata dalla società rispetto al medesimo periodo dell’esercizio precedente e pari circa al 14% anno su anno, in linea con quanto annunciato in occasione della semestrale di giugno». Grazie a questa nuova commessa, Dba Group conferma gli ottimi rapporti in essere con l’Azerbaigian, paese in cui è presente fin dal 2014. In particolare l’azienda trevigiana è attiva nel porto di Baku, dove ha già progettato e installato Port-Line, una piattaforma telematica che consente la completa automazione della movimentazione delle merci in transito nello scalo. Sempre per il porto di Baku sono stati progettati sia gli uffici amministrativi della Port Authority sia un Terminal Passeggeri nel nuovo porto di Baku ad Alat. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento