Intossicazione alimentare: un classico estivo

In estate, non mancano le opportunità di stare insieme per un pasto all'aperto. Detto questo, l'intossicazione alimentare può rovinare il tuo divertimento

Quando l'estate è in pieno svolgimento, è divertente riunirsi intorno alla piscina, vicino al barbecue o per un picnic per godersi appieno la vacanza. Tuttavia, questi momenti di gioia, a volte comportando disattenzione, possono renderci vulnerabili all'avvelenamento da cibo. Molte persone conservano ricordi spiacevoli dopo essere caduti vittima di intossicazione alimentare. Sebbene di solito innocuo, l'intossicazione alimentare può provocare gravi sintomi e in alcuni rari casi - fortunatamente molto rari - alla morte. Si verifica principalmente dopo aver ingerito alimenti o acqua contaminata da alcuni germi o dalle loro tossine. Chiunque può cadere vittima di intossicazione alimentare. Tuttavia, alcune persone hanno un rischio maggiore rispetto ad altre, nel viverla e affrontarla:bambini , anziani, donne incinte, persone con un sistema immunitario indebolito. 

Attenzione alla salmonella!

Diversi germi possono infettare e causare intossicazione alimentare. Tuttavia, un batterio chiamato salmonella,  è tra i tipi più comuni di intossicazione: questo tipo di infezione, chiamata salmonellosi, si verifica più frequentemente durante l'estate. La salmonella si trova spesso in cibi crudi o poco cotti; ecco perché i barbecue, i buffet freddi e i picnic sono ambienti ottimali per l'esposizione alla salmonella. Pollame, carne, frutti di mare e uova sono esempi di alimenti che possono contenere i batteri. Detto questo, è probabile che tutti gli alimenti, compresi frutta e verdura, trasportino la salmonella se sono stati lavati con acqua contaminata o sono entrati in contatto con altri alimenti contaminati. Va notato che la salmonella, può essere trasmessa dal contatto con le feci di una persona o di un animale infetto, compresi gli animali domestici. I sintomi tipici della salmonella includono nausea, vomito, crampi allo stomaco, diarrea e febbre, i quali,  si manifestano generalmente da 12 a 72 ore dopo aver ingerito alimenti contaminati e possono durare in media da 4 a 10 giorni.

La prevenzione è sempre la miglior strada

Ecco alcuni suggerimenti per evitare un'infezione da salmonella o altri germi che possono causare intossicazione alimentare:lavarsi accuratamente le mani con acqua e sapone prima di maneggiare il cibo. Si consiglia di lavarli frequentemente durante la preparazione del cibo, specialmente quando si passa da un cibo all'altro. Ricorda che il corretto lavaggio delle mani dura almeno 30 secondi. Assicurarsi che i cibi crudi che devono essere cotti, come la carne, non vengano a contatto con altri cibi crudi durante la preparazione e pulisci bene gli utensili e tutte le volte che è necessario, ad esempio dopo ogni contatto con cibi crudi. Inoltre, pulire le superfici di lavoro, come controsoffitti o taglieri. Lavare bene frutta e verdura sotto l'acqua corrente prima di mangiarle. Evitare latte non pastorizzato e prodotti lattiero-caseari (ad esempio, formaggio a latte crudo). Non mangiare pollame crudo, carne o uova e accertarsi sempre che siano sufficientemente cotti. Mantenere la temperatura del frigorifero a circa 4,4 ° C e quella del congelatore al di sotto di -18 ° C. Tieni gli alimenti coperti fino al momento di prepararli o cucinarli. Se tu (o tuo figlio) siete stati in contatto con un animale domestico o selvatico o con i suoi escrementi, lavatevi accuratamente le mani. Butta via gli alimenti che sono rimasti troppo a lungo a temperatura ambiente o al caldo. In estate, non è raro che il cibo rimanga fuori più a lungo di quanto dovrebbe. Non fare mai avanzi con alimenti che non sono stati conservati in modo ottimale. Poiché potresti portare la salmonella o un altro germe trasmesso attraverso le feci senza saperlo, lavati accuratamente le mani ogni volta che vai in bagno. Inoltre, assicurati di lavarti accuratamente le mani dopo aver cambiato un pannolino o dopo aver maneggiato la spazzatura. È importante notare che il cibo può essere contaminato anche se il suo aspetto, sapore e odore non vengono alterati.

Cause più serie

Alcuni batteri inducono meno casi di intossicazione alimentare ma possono farti molto male. Possono persino causare la morte.

E. coli. 

Questo è il nome di un tipo di batteri, presenti nell'intestino degli animali, puoi entrarne in contatto,  attraverso: carne macinata cruda, latte non pastorizzato, germogli o qualsiasi cibo o liquido che ha avuto contatto con feci di animali o liquami. Alcuni ceppi sono innocui, altri possono essere molto seri.

La listeria

Si tratta di un batterio insolito, che può crescere a basse temperature,  come nel frigorifero. Si trova in pesce affumicato, formaggi crudi (non pastorizzati), gelati, patè, salumi. Le donne in gravidanza e altre con sistema immunitario indebolito, possono sentirsi male a causa di infezioni più lievi da listeria, entro un giorno. Altre persone con un'infezione da listeria più grave, chiamata listeriosi, potrebbero non mostrare sintomi per una settimana o anche un paio di mesi. Oltre alla diarrea e al vomito, la listeria può causare sintomi insoliti, tra cui debolezza, confusione e torcicollo. Può anche essere mortale. Se hai il torcicollo con la febbre, potresti aver bisogno di antibiotici.

Se pensi di avere un avvelenamento da cibo, è  sempre fortemente consigliabile recarsi dal medico.

link utili:

ULSS2

Farmacie notturne a Treviso

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Fossalunga, imprenditore e padre di due figlie trovato morto

  • Tumore incurabile, il sorriso di Giorgio De Longhi si è spento a 57 anni

  • Acqua micellare: le verità nascoste

  • Chiede al bar gratta e vinci per 400 euro: non vince nulla ed esce senza pagare

  • Schianto contro un'auto mentre torna da lavoro, muore operaio 49enne

  • Travolto e ucciso da un treno, la morte di Marco Cestaro fu un suicidio

Torna su
TrevisoToday è in caricamento