Sindrome da esaurimento professionale: sintomi e i suggerimenti per uscire dal Burnout

Non importa quanto ami il tuo lavoro o quanti sacrifici tu possa fare. Il lavoro può trasformarsi in una routine deleteria: satura tutto e lo stress è insopportabile, tutto questo prende il nome di burnout

La sindrome da burnout, meglio nota come sindrome da esaurimento professionale, è una patologia con incidenza sempre maggiore e colpisce, in modo particolare, i lavoratori dei paesi occidentalizzati a tecnologia avanzata.

L’individuo diventa così vittima, oggi come ieri, della cosiddetta condizione di Burnout: corpo, mente e spirito si concentrano intensamente sull'attività da svolgere, ma a un certo punto si manifesta nel soggetto un esaurimento psicofisico ed emozionale.

Mezzo milione di persone, soffrono di stress legato al lavoro e gli psicologi l'hanno definita un'epidemia silenziosa, a cui molti di noi assistono e/o vivono ogni giorno.

Ora, l'Organizzazione mondiale della sanità è intervenuta, anche se sue origini risalgono al 1930, quando nel panorama sportivo, alcuni atleti non riuscivano, dopo i risultati conseguiti, a mantenere il trend. Noto dagli anni '70 all'OMS, la stessa ha atteso fino al 2019, perché' questa fosse aggiunta come problema, al suo Manuale internazionale di classificazione delle malattie.


Cos’è?

Secondo il nuovo rapporto, il burnout ha tre elementi comuni: sentimenti di affaticamento mentale sul lavoro, distacco dal lavoro e scarso rendimento sul lavoro.

genere colpisce coloro che sono impiegati nelle professioni di aiuto, nelle emergenze, nel sociale come medici, infermieri, poliziotti, vigili del fuoco, assistenti sociali, ma può colpire anche altre categorie di lavoratori, quella forza lavoro iperattiva, iperconnessa e schiacciata da mille impegni tra lavoro e famiglia. Le donne sarebbero più esposte degli uomini al pericolo di esaurimento psico-fisico.

Suona familiare? Quindi la definizione ufficiale sarà sicuramente: "Il burnout è una sindrome concettualizzata, come risultante dallo stress cronico sul posto di lavoro che non è stato gestito con successo".

Ma chi di noi ha il tempo di "gestire con successo" lo stress dell'ufficio? Meglio arare i campi, a testa in giù, giusto?

Poco possono fare uscite serali, sessioni di ginnastica, distrazioni varie. Gli effetti sulla salute dello stress a lungo termine, non sono uno scherzo e possono danneggiare più delle prospettive di carriera, con malattie cardiovascolari, ipertensione, ictus e depressione, con forte incidenza, se lo si cerca di schiacciare e reprimere. 

Come gestirlo?

Quindi, come puoi prevenire l'esaurimento, a meno di lasciare il tuo lavoro? Il Burnout, è il risultato di mesi, se non di anni, di stress cronico. E, come spiega il rapporto dell'OMS, si verifica quando le richieste che ci vengono poste, sembrano superare la nostra capacità di far fronte ad esse.

Burnout, è il termine usato per descrivere ciò che è probabile che si verifichi se si è troppo stressati, troppo coerentemente, per un periodo di tempo troppo lungo; dove hai esaurito le risorse fisiche, emotive e mentali, necessarie per svolgere il tuo lavoro nel modo desiderato e necessario.

In breve, il burnout è il tuo punto di rottura.


Sintomi di burnout e segnali di pericolo


Non succede dall'oggi al domani. Le persone di solito segnalano, di sentirsi fisicamente esausti, senza speranza, ansiosi, indifesi, cronicamente irritati, isolati, intrappolati, intorpiditi, sopraffatti, allontanati emotivamente dal lavoro e incapaci di soddisfare le esigenze.

Sfortunatamente, questa sensazione di stress non è aiutata dai sistemi naturali del corpo, che vedono l’aumento dei livelli ormonali dello stress: adrenalina e cortisolo, che subentrano quando ci sentiamo stressati.

Oltre a esaurire il corpo, questi ormoni possono influenzare il nostro modo di pensare, impedendoci di essere in grado di percepire le situazioni in modo accurato, il che ovviamente serve solo a stressarci ulteriormente.

In questa condizione, è facile rimanere bloccati in un ciclo di pensieri negativi e iniziare a cadere in una spirale. Inoltre, la situazione peggiora, perché questi ormoni interferiscono anche con il tuo riposo. Questa routine, protratta per settimane, giunge al punto di rottura.



Come faccio a sapere che non ho solo bisogno di una pausa?

Hai bisogno di una settimana libera o devi iniziare a ripensare il tuo percorso di carriera e le tue scelte di vita? Prima di tutto, dire "Sono solo stressato" non è una scusa. Sì, sei tu. Questo è il problema. Se puoi ammettere di essere stressato, puoi fare qualcosa al riguardo.

È la loro intensità, pervasività e durata che ti distingue solo per aver bisogno di una vacanza dall'esperienza profondamente mutevole che è il burnout. Se sei affetto dalla sindrome, una vacanza farà poco per ridurre il tuo disagio in corso.

Quindi, se le cose iniziano a consumare tutto e non riesci a smettere di pensare al lavoro o ti ritrovi a pensare troppo alle interazioni con i colleghi o il tuo capo o un cliente, è tempo di fare un passo indietro e rivalutare il tuo benessere.



Come prevenire il burnout

Se pensi al burnout come al debito percepito, laddove le tue risorse sono compensate dalle esigenze della vita, c'è molto che puoi fare per mantenere la cura di sé che lo evita. Davies.

Devi valutare il carico di lavoro e vedere cosa potrebbe essere delegato, inoltre, prova a gestire il tuo tempo, riducendo la navigazione web e l'uso dei social media.

Fai questo e inizierai a sentirti più in grade di avere il controllo della tua giornata. E, naturalmente, come in tutti gli ambiti della vita, anche essere a proprio agio nel chiedere supporto, quando ne hai bisogno, è fondamentale.


 

Imposta i tuoi limiti

Tieni sempre a mente i “confini " del tuo lavoro e cerca di farli rispettare. Questi includono il numero di ore in cui ti senti a tuo agio a lavorare, per assicurarti di mantenere un sano equilibrio tra lavoro e vita personale. Devi anche sapere qual è lo stato e le entrate "sufficienti" per te, perché, in caso contrario, tenderai a dipendere eccessivamente da richieste, opinioni, affermazioni e aspettative esterne da parte di altri che, comprensibilmente, parleranno semplicemente dalla propria esperienza e potenzialmente dare priorità ai propri bisogni.


 

Non dare sempre ascolto alla vocina nella tua testa

Cerca di essere costantemente consapevole di ciò che stai pensando e sentendo. È probabile che una parte del tuo stress, provenga dai tuoi schemi di pensiero. Una tendenza alla catastrofe (con convinzioni distorte di essere indifeso / senza speranza / intrappolato) e alla sindrome dell'impostore (che ti porta a pensare di non essere bravo in quello che fai), può aumentare esponenzialmente lo stress da lavoro.


 

Attenzione ai sovraccarichi

Essere consapevoli del fatto che lo stato, la convalida, il raggiungimento degli obiettivi, i soldi e il potere, che possono derivare dal lavoro possono anche creare dipendenza, a causa dei loro massimi di dopamina. Non c'è niente di sbagliato in questo come parte di una vita equilibrata, ma come con tutti i comportamenti potenzialmente avvincenti, potresti essere costretto a perseguirli nonostante una conseguenza avversa come lo stress prolungato.


 

Trova qualcosa di significativo, al di fuori del lavoro

.

Respirazione profonda, sonno, attività creative, aiuto ad altre persone, risate, attività di gruppo sincronizzate, trascorrere del tempo fuori, esercizio fisico e consapevolezza, contribuiranno tutti a raggiungere e sostenere l'equilibrio che gestisce lo stress da lavoro, evita il burnout e più in generale, porta a una felicità e uno scopo vita.


 

Come recuperare 

Nonostante i pensieri depressi e ansiosi, coerenti con il burnout, è assolutamente uno stato da cui è possibile riprendersi. Potrebbe essere necessario un trattamento anti-ansia o depressione per un breve periodo, e anche una consulenza per esaminare i motivi per cui ti sei sentito così in primo luogo e come puoi prenderti cura di te da ora in poi.

Questo può sembrare scoraggiante, ma guardalo come la tua strada per il recupero. Prenderai antidolorifici e vedresti un fisioterapista dopo un infortunio sportivo, giusto? Tornare in buona salute mentale, è esattamente la stessa cosa e più comune di quanto si possa pensare.

I nostri corpi hanno modi intelligenti di dirci che qualcosa deve cambiare.

Se sei “bruciato”, usalo come un'opportunità per cambiare in meglio la tua vita e la tua salute. Non deve significare lasciare il tuo lavoro, devi solo fermarti e vivere.

Attività e cure  antistress:

Kornice Srl - 43, Via Fonderia31100 (TV)

https://aziende.virgilio.it/associazioni-artistiche/treviso-tv/kornice_2

Associazione musicale Francesco Manzato - 3, Piazza S. Francesco31100 TREVISO (TV)

Studio Pancallo Treviso - Via Pietro Bertolini, 34, 31100 Treviso TV

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata in casa senza vita: albergatrice trevigiana muore a 63 anni

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Allarme rosso per il livello del Piave: ordinati gli sgomberi delle golene

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Maltempo, sui social insulti contro i veneti alluvionati: «Ben vi sta»

  • Chiama la polizia per far multare le auto in sosta, ma alla fine a essere sanzionato è lui

Torna su
TrevisoToday è in caricamento