Ferite da taglio: istruzioni per le cure di emergenza

Quando si ha a che fare con una ferita aperta, è importante agire sui bisogni immediati e attuando precauzioni per il futuro. Seguire questo semplice iter operativo, ti assicurerà una guarigione in sicurezza

La cosa più importante da fare di fronte a una ferita aperta, è controllare l'emorragia. È necessario pulire correttamente le ferite aperte e raggiungere una struttura medica entro un determinato periodo di tempo, se si ritiene che la ferita potrebbe aver bisogno di punti di sutura.

Detersione

L'acqua del rubinetto, è il miglior detergente per ferite aperte. Una volta controllata l'emorragia, la ferita aperta, deve essere pulita con acqua e sapone: quelli liquidi fanno un ottimo lavoro e non sono necessari saponi antibatterici, a questo punto, assicurati di risciacquare in profondità il taglio e risciacqua accuratamente il sapone dalla superficie. L'acqua a volte ha la tendenza a pungere, a tal proposito, usare una soluzione salina (soluzione salina allo 0,9%), può essere un po' più tollerabile. Mantenere pulita una ferita, è importante quanto pulirla la prima volta. Se sembra che una ferita si sia contaminata o sporca dopo essere stata pulita e protetta, rimuovere la medicazione e pulirla di nuovo. Mantenere una ferita pulita è il modo migliore per evitare l'infezione. La pulizia di una ferita aperta a volte può causare il ritorno dell'emorragia, niente paura, l'emorragia sarà lieve e dovrebbe essere facilmente interrotta con una pressione diretta, usando una medicazione sterile o almeno pulita. 

Protezione e medicazione

Detersione, disinfezione e pulizia, sono un paradigma imprescindibile, per evitare infezioni; medicare e mantenere un ambiente topico, pulito e asciutto, garantirà una perfetta guarigione. Passiamo ora alla medicazione della ferita, un’azione questa, altrettanto importante, sia nella modalità che nel mantenimento. Ricorda sempre che, una ferita non deve mai essere medicata, senza una preventiva ed efficace detersione o in presenza di contaminazione visibile (se questi passaggi essenziali, non sono possibili, per via del posto in cui si è e si è verificato il taglio, lasciala aperta e recati presso un presidio medico, in tempi celeri). Una volta che la ferita è pulita e non sanguina, tamponala un po' di pomata antisettica, per tenere fuori i germi, coprire leggermente la ferita con una medicazione adesiva (se i peli del corpo si frappongono a una medicazione adesiva, è possibile avvolgere le estremità in modo lento con una garza a rulli larghi), infine sostituire sempre le medicazioni ogni 12 ore. Per lacerazioni e incisioni, tirare insieme i bordi della ferita e utilizzare i cerotti a farfalla (o strip) per tenerle, è una operazione questa importante, affinché i lembi di pelle collabiscano perfettamente ed evitare una rimarginazione imperfetta e antiestetica. Le ferite superficiali, invece, quelle che non sono abbastanza profonde per vedere il tessuto sottocutaneo (grasso), non hanno bisogno di medicazioni a farfalla. Se una ferita riprende a sanguinare in qualsiasi momento, seguire i passaggi per controllare l'emorragia e se l'emorragia non si arresta, potrebbe essere necessario consultare un medico, segnali negativi estremi e inconfutabili, sono incarnato pallido, vertigini e debolezza la vittima potrebbe essere in shock e comunque in perdita ematica sovrabbondante.

In necessità di punti di sutura

Se sono necessari punti, dovrai tenere la ferita chiusa con custodie a farfalla fino a quando non puoi raggiungere un pronto soccorso o una clinica di cure urgenti. Ricorda sempre di tener chiusa e detersa la ferita, fino all’arrivo al pronto soccorso. Ora, è importante capire la gravità e valutare i tempi e velocità di contaminazione: se la ferita ha un'alta probabilità di contaminazione, allora hai circa sei ore per apporre ii punti, prima che la ferita diventi troppo contaminata per essere cucita. Alcune ferite non sono generalmente ricucite a causa della grave contaminazione, ad esempio in presenza di morsi umani o animali. Le ferite con meno probabilità di contaminazione, possono attendere anche fino ad otto ore dopo l'infortunio. A seconda della ferita, le cicatrici possono essere ridotte al minimo fino a 24 ore dopo l'infortunio, ma più a lungo aspetti, meno è probabile che siano possibili punti. Per le ferite che hanno altre complicazioni come intorpidimento o riduzione dei movimenti, consultare immediatamente un medico.

Complicanze

L'infezione, è la complicazione più comune di una ferita aperta. Se si verifica uno dei seguenti sintomi dopo aver subito una ferita aperta, consultare un medico:

  • Rossore e infiammazione intorno alla ferita
  • Febbre
  • Gonfiore intorno alla ferita
  • Intorpidimento intorno alla ferita
  • Striature rosse intorno alla ferita

Che cos'è il tetano?

Il tetano, è una grave infezione che può portare a spasmi nella mascella, comunemente chiamati Lockjaw  e forse alla morte. Si blocca facilmente con una semplice vaccinazione (se non hai avuto almeno tre vaccinazioni contro il tetano con l'ultimo entro dieci anni, è tempo di fare un richiamo).

Le ferite da taglio, in genere non sono un dramma ma la giusta valutazione e prontezza del caso, possono rivelarsi semplici e piccoli incidenti di percorso.

Link utili:

Pronto soccorso Treviso

Farmacie Treviso

Cerotti a farfalla

Kit emergenza

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Trovata in casa senza vita: albergatrice trevigiana muore a 63 anni

  • Allarme rosso per il livello del Piave: ordinati gli sgomberi delle golene

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Si era dato fuoco di fronte al "Per Bacco", muore dopo cinque giorni di agonia

  • Maltempo, sui social insulti contro i veneti alluvionati: «Ben vi sta»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento