Ricarica la tua tiroide

Aumenta il tuo metabolismo e migliora la tua funzione tiroidea con questi semplici passaggi

Sappiamo che guidare un'auto senza benzina nel serbatoio è inutile, entrare in regime di riserva, è l’estrema ratio, ma difficilmente si arriva a destinazione. La tiroide non è diversa, cardine di un motore organico, perfettamente oleato e funzionante. Gli ormoni tiroidei regolano il nostro metabolismo e la funzione degli organi. Interessano direttamente la frequenza cardiaca, i livelli di colesterolo, il peso corporeo, l'energia, la contrazione e il rilassamento muscolare, la struttura della pelle e dei capelli, la funzione intestinale, la fertilità, la regolarità mestruale, la memoria, l'umore e altre funzioni corporee. Senza abbastanza ormone tiroideo, ogni sistema nel corpo rallenta. Coloro che soffrono di ipotiroidismo, si sentono stanchi e tendono a dormire molto. La loro digestione è lenta e in genere si verifica un aumento di peso. Possono anche sperimentare pelle estremamente secca, perdita di capelli e pensiero rallentato. In effetti, senza abbastanza ormone tiroideo, raggiungere il tuo peso perfetto, è quasi impossibile.

Come viene diagnosticata l'ipotiroidismo?

Per valutare accuratamente la funzione della ghiandola tiroidea, la nostra ghiandola principale del metabolismo, sono necessari quattro test, TSH, Free T3, Free T4 e anticorpi tiroidei. Un TSH ottimale, dovrebbe essere inferiore a 4.0, non il 4.7 attualmente accettato riportato dalla maggior parte dei laboratori. T3 e T4, dovrebbero essere al centro dell'intervallo di riferimento del laboratorio e gli anticorpi tiroidei, dovrebbero essere negativi. È molto difficile ridurre il grasso corporeo, se si dispone di un caso non diagnosticato di ipotiroidismo.

Quali sono i sintomi a cui prestare attenzione?

I sintomi della malattia tiroidea inattiva, possono variare e non tutti gli individui mostreranno gli stessi segni. Tuttavia, se si verificano due o più dei seguenti sintomi, è necessario consultare il proprio medico per appurare con esami specifici.

  • Sensazione frequente di freddo o intolleranza alle basse temperature
  • Pelle secca, capelli fragili e unghie spezzate
  • La perdita di capelli
  • Mestruazioni irregolari o sanguinamento mestruale pesante
  • Scarsa memoria
  • Depressione
  • Diminuzione della libido
  • Stipsi
  • Fatica inspiegabile o letargia
  • Aumento di peso inspiegabile o incapacità di perdere peso
  • Molte persone con ipotiroidismo hanno associato anemia sideropenica e / o colesterolo alto.

Cosa rallenta la tiroide?

L'ipotiroidismo, è un disturbo complesso che può derivare da una serie di cause diverse, tra cui:

  • La tiroide può non produrre abbastanza ormone tiroideo, a seguito di una risposta autoimmune contro la tiroide (tiroidite di Hashimoto) o altri problemi con la funzione della ghiandola tiroidea stessa.
  • Livelli tossici di mercurio, tipicamente derivanti da otturazioni di mercurio in bocca o dal consumo di grandi quantità di pesci oceanici carichi di mercurio, possono inibire la funzione della ghiandola tiroidea.
  • Alti livelli di estrogeni o una carenza inversa di progesterone, inibiscono la funzione tiroidea. Molte donne in menopausa che usano la terapia sostitutiva con estrogeni, possono sviluppare i sintomi di una tiroide ipoattiva. Le donne in menopausa che stanno già assumendo farmaci per l'ipotiroidismo, possono anche aver bisogno di aumentare il loro dosaggio se scelgono di usare la terapia ormonale sostitutiva.
  • Il cortisolo, un ormone ad alto stress, può interferire con la conversione dell'ormone tiroideo nella forma attiva,  che regola da vicino il metabolismo.
  • Il consumo eccessivo di cibi e bevande a base di soia, può ridurre l'attività dell'ormone tiroideo nel corpo.
  • Le carenze nutrizionali, possono impedire la corretta produzione o funzione dell'ormone tiroideo nel corpo. Ad esempio, iodio, zinco e tirosina, sono necessari per la formazione dell'ormone tiroideo, mentre il selenio è necessario per la normale funzione dell'ormone tiroideo.

Il piano in 4 fasi per alimentare la tiroide

Se pensi di avere sintomi alla tiroide, ci sono metodi naturali che possono aiutare a supportare la funzione tiroidea.

Passaggio 1: eliminare gli interferenti tiroidei per 14 giorni

Devi rimuovere gli alimenti che impediscono alla tua tiroide di funzionare come una macchina ben oliata. Alcuni alimenti, potrebbero costringere la tiroide a lavorare di più, evitarli per due settimane, può aiutare con alcuni dei tuoi sintomi:

Olio di soia / semi di lino: questi oli, possono agire come estrogeni e possono costringere la tiroide a produrre più ormone tiroideo del solito.

Verdure crocifere crude: queste verdure, possono contenere composti noti come goitrogeni che possono interferire con la capacità della tiroide di usare iodio. Mangia queste verdure solo se sono al vapore.

Arachidi e burro di arachidi: questo legume comune, è molto acido e contiene goitrogeni.

Pesci ricchi di mercurio: il mercurio, è un noto distruttore della tiroide. I peggiori trasgressori sono il pesce spada, lo sgombro reale, il pesce tegola, lo squalo e la maggior parte del tonno.

Assicurati di evitare i cibi proibiti. Ricorda di non limitare eccessivamente le calorie. Se riduci troppo l'assunzione di cibo, ostacolerai semplicemente il tuo metabolismo creando (o aggravando) gli squilibri dello stress e degli ormoni della glicemia. 

I seguenti gruppi alimentari dovrebbero essere rimossi dalla dieta durante la disintossicazione del corpo perché sono infiammatori o allergenici:

Latticini: yogurt, formaggio, latte, panna, panna acida, ricotta, caseina e concentrato di proteine ​​del siero di latte. Tuttavia, sono ammessi isolati di proteine ​​del siero di latte puro al 100% e formaggi di latte di capra.

Tutti i cereali che contengono glutine: grano, farro, segale, kamut, amaranto e orzo. Si noti che la maggior parte di pane, muffin, pasticcini, torte, pasta, semola di grano duro, cuscus, biscotti, farina e cereali sono vietati, a meno che non siano privi di glutine.

Mais: popcorn, patatine di mais, focaccine o muffin, mais fresco, stuzzichini in scatola o surgelati. Le patate bianche e dolci, devono essere evitate durante la prima settimana.

Oli: oli idrogenati, olio di palma, acidi grassi trans, olio di semi di soia, olio di mais, olio vegetale, e margarina. L'olio d'oliva è permesso.

Alcol e caffeina: durante la disintossicazione, il consiglio è di eliminarli completamente. Troppo di uno dei due, aumenterà gli ormoni dello stress e contribuirà allo squilibrio ormonale.

Zucchero o dolcificanti artificiali: lo zucchero da tavola (saccarosio) e tutti i prodotti con zucchero aggiunto, devono essere completamente eliminati. Gli alimenti da evitare includono sciroppo di riso, sciroppo d'acero, miele, cibi / bevande contenenti sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio, cibi confezionati, caramelle, soda, succo di frutta, ecc.

Agrumi: arance, mandarini e pompelmi. I limoni sono ammessi.

Carni rosse: carne di maiale, manzo, agnello, tutti i tipi di salumi, pancetta e tutti i tipi di salsicce.

Fase 2: consumare alimenti antinfiammatori per 14 giorni

Mangia una porzione di alimenti pro tiroidei al giorno e consuma cibi anti-infiammatori per due settimane.

Vitamina A: attiva l'ormone tiroideo, attraverso patate dolci o succo di pomodoro.

Iodio: essenziale per una sana funzionalità tiroidea, perché aiuta la tiroide a produrre l'ormone tiroxina o T4, uno degli ormoni metabolici prodotti dalla tiroide, attivalo con verdure di mare come alghe, alghe o pesce.

Tirosina: la ghiandola tiroidea, combina tirosina e iodio per produrre l'ormone tiroideo, quindi questo è un aminoacido essenziale per la produzione dell'ormone tiroideo, attivalo con il tacchino, albumi e spirulina.

Selenio: necessario per la normale funzione tiroidea, attraverso noci del Brasile, le quali si classificano al primo posto per contenuto di selenio e il conteggio è così elevato, che è praticamente fuori scala.

Suggerimento bonus: i prodotti lattiero-caseari a basso contenuto di grassi, mostrano di ridurre il cortisolo. Il cortisolo, blocca la conversione di uno dei tuoi ormoni tiroidei nel tipo che controlla il metabolismo, quindi quando proviamo a potenziare la tiroide, le quantità devono essere controllate. Prova a incorporare uno yogurt magro, ad esempio del tipo magro o di pecora.

Altri alimenti che puoi consumare liberamente includono:

Una porzione di cereali e patate, delle dimensioni del tuo pugno (solo durante la seconda settimana): miglio, riso e prodotti a base di riso, grano saraceno, pasta di riso, torte di riso, cracker di riso, patate o patate dolci. 

Verdure: quantità illimitate di tutte le verdure, tranne il mais. Le patate, tra cui patate dolci e patate bianche, sono consentite solo durante la seconda settimana. Tutte le altre verdure amidacee tra cui rapa, zucca, barbabietole, carote e piselli, sono liberamente consentite in entrambe le settimane.

Frutta: tutti i frutti tranne arance, mandarini, pompelmi, frutta in scatola, uvetta, datteri e altri frutti secchi non biologici.

Fagioli: sono ammessi tutti i fagioli.

Due manciate di noci e semi: tutte le noci, tranne le arachidi e tutti i semi vanno bene. 

Pesce e carne: tutto il pollame (pollo, tacchino, anatra, ecc.), Pesce e frutti di mare vanno bene.

Una porzione di latte (a base di latte di pecora o di capra): feta (a base di latte di pecora o di capra), formaggio di capra o piccole quantità di burro.

Oli: olio di canola, olio di lino, olio di canapa, olio di cocco e olio extra vergine di oliva, sono gli unici oli che dovresti consumare.

Uova: sono ammessi sia tuorli che bianchi.

Latte: latte di avena, mandorle e riso, ma evita quelli con zucchero aggiunto.

Dolcificanti: sono ammessi alcoli di zucchero e stevia.

Temi o credi di soffrire di iporiroidismo? Rivolgersi ad uno specialista per accertamenti, è la strada giusta.

Vediamo dove:

Ecografia tiroidea- Centro di Medicina - Viale della Repubblica 10/b, Villorba (TV)

Centro Leonardo, poliambulatorio/ sezione di endocrinologia -

P.zza L. Da Vinci 12
31030 Dosson di Casier (TV)

Via Dante Alighieri, 1
31022 Preganziol (TV)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il Friuli Venezia Giulia la regione che resta di più a casa

  • Supermercato troppo affollato, scatta la chiusura per cinque giorni

  • Coronavirus, scomparso storico commerciante di ricambi d'auto

  • Coronavirus: ancora in aumento il numero dei contagi nella Marca

  • Coronavirus, addio al maestro di sci Silvio Baratto

  • Male incurabile, commercialista e padre di due figli muore a 50 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento