Intolleranza al lattosio: potrebbe esserci un modo per cambiare il tuo destino

Tre quarti della popolazione adulta del mondo, ha difficoltà a digerire il lattosio. La peggiore indicazione che puoi ricevere? Evitare di assumerlo

Il lattosio, è un tipo di zucchero presente nel latte e altri prodotti caseari, per molte persone, un bicchiere di latte o una fetta di pizza innesca gas, gonfiore, crampi, mal di stomaco e diarrea. I medici, identificano abitualmente le persone che manifestano questi sintomi, come "intolleranti al lattosio" e il consiglio che danno loro, è  quello di evitare o peggio privarsi dei latticini.  Quasi tutti i neonati, nascono con un enzima digestivo chiamato lattasi, che consente al loro intestino di scomporre il lattosio nei latticini, senza difficoltà. Circa un quarto degli adulti, in particolare quelli di origine nord europea, mantiene alti livelli di questo enzima digestivo (queste persone non hanno problemi con i latticini). All'incirca all'età di cinque o sei anni, un gran numero di persone sperimenta un calo graduale nella produzione di lattasi dell'intestino. Questa caduta, mette questi soggetti, a rischio di sintomi che sfociano in intolleranza al lattosio.

La ricerca 

Il consiglio convenzionale, è evitare il latte e altri prodotti caseari, questa evasione tende ad aumentare il problema, è ciò che sostiene nella sua ricerca, il Dott. Dennis Savaiano, decano della School of Consumer and Family Sciences della Purdue University. I batteri nell'intestino, che si nutrono di lattosio, proliferano quando vengono regolarmente esposti ad esso, dice, e la loro proliferazione aiuta il sistema digestivo umano, a gestire il lattosio. Di conseguenza, le persone che bevono regolarmente latte, compresi gli " intolleranti", hanno meno probabilità di avere sintomi, perché il loro microbioma, si adatta al consumo di prodotti lattiero-caseari. Evitare i latticini, diminuisce la popolazione intestinale di questi utili batteri, che divorano il lattosio e questo "aggrava l'intolleranza". Continuare invece, ad assumere latticini, in modo regolare, può  promuovere un cambio di rotta e diventare tolleranti. Gli intolleranti acclarati, é vero che non riusciranno comunque mai, a gestire un bicchiere di latte, soprattutto se ingerito a stomaco vuoto, ma la maggior parte di loro, dovrebbe essere in grado di tollerare latte, formaggio e altri prodotti caseari,  in quantità moderate e se consumato con altri alimenti.

"Se gli intolleranti di lattosio continuano a consumare regolarmente lattosio, molti possono diventare tolleranti"

Andrew Szilagyi, gastroenterologo e ricercatore di intolleranza al lattosio, presso la McGill University canadese, supportato dai suoi studi, sostiene che gli intolleranti medi,  possono gestire almeno 12 grammi di lattosio, che è approssimativamente la quantità in una tazza di latte.Altri alimenti caseari, come il formaggio e lo yogurt , contengono molto meno lattosio rispetto al latte puro, quindi gli intolleranti,  dovrebbero essere in grado di consumare porzioni di questi alimenti, senza provare alcun sintomo (anche se la tolleranza di ogni persona  varia).


Ripensare l' "intolleranza"

Questi punti di vista degli esperti non sono radicali: la maggior parte delle persone che manifestano sintomi di malassorbimento del lattosio, non devono eliminare i latticini dalla loro dieta e che eliminare i latticini aumenta il rischio di  osteoporosi e altre condizioni ossee. Per quelle persone sensibili al lattosio, che hanno evitato i prodotti lattiero-caseari, Savaiano afferma che riacclimatare l'intestino al latte, comporta lentamente e gradualmente l'introduzione del lattosio nella dieta. L'obiettivo, è raggiungere un punto in cui il consumo di prodotti lattiero-caseari con il cibo, non provoca reazioni avverse. È importante notare che l'intolleranza al lattosio non è la stessa di un'allergia al latte: un'intolleranza si riferisce all'incapacità dell'intestino di digerire correttamente un alimento o un nutriente, mentre un'allergia comporta una reazione del sistema immunitario in presenza di quel cibo o nutriente. Per le persone con allergie alimentari - al latte, noci, uova, crostacei, ecc., il consumo di tali alimenti può essere pericoloso. Queste stesse regole, possono applicarsi ad altri alimenti o sostanze nutritive. Se qualcuno smette di mangiare glutine, per esempio, potrebbe essere più probabile che sperimentino effetti collaterali se mangiano nuovamente glutine in seguito. L'intestino umano, si adatta ai cibi che mangia, e quindi evitare i cibi potrebbe portare ad adattamenti che rendono il cibo più difficile da digerire. Per farla breve, alcune persone potrebbero essere in grado di superare o sradicare le loro intolleranze alimentari o persino allergie alimentari. Allo stesso tempo, le persone che tagliano gli alimenti dalla loro dieta possono in alcuni casi aprirsi a nuovi e inaspettati effetti collaterali.

link utili:

USSL2- Gastroenterologia

Centro di medicina-test intolleranze

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata cadavere Rosanna Sapori, giornalista «scomoda» del Nordest

  • Tragedia da "Ciao bei": aiuto cuoco muore per un malore

  • Detrazioni fiscali: tracciabilità obbligatoria per le spese del 2020

  • Diabete e retinopatia, il prof. Bandello: "Siamo all'avanguardia, ma ancora pochi screening"

  • Chiudono "Rosa e Baffo" e pub "Rosa": piazza di Bonisiolo deserta

  • Attacco cardiaco porta via alla vita Maria Fernanda, giovane mamma 31enne

Torna su
TrevisoToday è in caricamento