Gli effetti del sale sulla salute

Il sale esalta il sapore degli alimenti, ma mangiarne troppo, può essere un killer silenzioso e avere effetti dannosi sulla salute

Il sale é un elementi essenziale. La sostanza che comunemente chiamiamo sale da cucina, è in realtà cloruro di sodio. Il sodio, è un elemento minerale molto diffuso in natura e nel corpo umano, è fondamentale per il normale funzionamento dell'organismo umano, che deve ricevere una modesta quantità ogni giorno, attraverso la dieta.

Monitoraggio del consumo alimentare di sale nella popolazione italiana

Il Ministero della Salute e il Centro nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie (CCM), ha sostenuto alcuni progetti che hanno consentito la raccolta di informazioni  sui consumi di sale, dei cittadini italiani. Il consumo medio giornaliero di sale, è risultato superiore a 10 g negli uomini e 8 g nelle donne nei campioni di popolazione relativi agli adulti e agli ipertesi, quest’ultimi con valori lievemente inferiori rispetto ai primi; anche nel campione di soggetti di età compresa tra 6 e 18 anni vengono superati i livelli massimi raccomandati dall’OMS (7,4 g di sale al giorno tra i ragazzi e 6,7 g tra le ragazze). Tra gli adulti il 95% degli uomini e l’85% delle donne, consumano più di 5 grammi di sale al giorno; tra gli ipertesi superano i 5 grammi/die oltre il 90% degli uomini e l’80% delle donne, mentre tra i 6 e i 18 anni il 93% dei ragazzi e l’89% delle ragazze. Siamo, quindi, ancora lontani dal raggiungere i valori raccomandati dall’OMS.

Sale negli alimenti

Molte persone, consumano troppo sale senza accorgersene, versandolo liberamente sul loro cibo. Inoltre, un gran numero di alimenti distribuiti, contiene quantità significative di sale. Basti pensare agli alimenti trasformati, preconfezionati o pronti da mangiare come salumi, patatine, crackers, zuppe, verdure in scatola, formaggio e persino cereali per la colazione! La tabella dei fatti nutrizionali, che si trova sulle etichette e sulla confezione degli alimenti che mangi, indica il contenuto di sodio per porzione. Questa cifra è espressa in milligrammi (mg) e in percentuale del valore giornaliero (% DV), secondo lo standard di riferimento (2 400 mg). Potresti scoprire, che una tazza (250 ml) di zuppa in scatola, contiene 580 mg di sodio, che è pari al 24% del valore di riferimento giornaliero. Prendendo l'abitudine di leggere la tabella dei valori nutrizionali, renderai le scelte alimentari più sane e meglio informate, inclusa l'assunzione di sodio.

Se è troppo, è una minaccia

Il sale non è dannoso per la salute, se consumato in quantità ragionevoli. Troppo sale però, può causare ed avere effetti dannosi. Caratteristica del sale è trattenere i liquindi, nel nostro organismo, dunque, può essere minatorio e concorrere, se in presenza, di alcune malattie, quali: ipertensione, insufficienza cardiaca e malattie renali. È stato dimostrato che il consumo eccessivo di sale,  è collegato ad un aumentato rischio di malattie cardiache (ad es. Infarto del miocardio) e incidente cerebrovascolare (CVA o ictus) . Si ritiene inoltre, che potrebbe favorire lo sviluppo o il peggioramento, di alcune altre malattie come l'osteoporosi, l'asma e il cancro allo stomaco.

Abbassa i livelli di sodio nella tua dieta

Tutti possono beneficiare, assumendo quantità' di sodio ridotte, non solo chi purtroppo è  già affetto da malattia, per cui l'assunzione ridotta, é obbligatoria. Prendiamo ad esempio le persone con ipertensione. Ridurre l'assunzione di sodio, porta a una significativa riduzione della pressione sanguigna e dei rischi di malattie cardiache e ictus. Se si vive con una malattia cronica, in particolare malattie cardiache o renali, si consiglia di parlare con il proprio medico dei vantaggi di una dieta a basso contenuto di sodio.

Consigli utili

Adottare le seguenti misure, può aiutare a ridurre l'assunzione di sodio: evita di aggiungere sale al cibo, come un automatismo, assaggia sempre e per correggere prediligi prima l'uso di erbe e spezie ( peperoncino, pepe, erbe mediterranee, succo di limone).

Mangia principalmente cibi freschi e alimenti meno elaborati, preparati o preconfezionati.

Sciacquare i cibi in scatola prima di mangiarli.

Ridurre l'assunzione di sale è tra le strategie vincenti per uno stile di vita più sano. 

Parla con il medico, per ulteriori informazioni su come rimanere in salute, attraverso la prevenzione e le abitudini sane.

Link utili:

USSL2

Ecs- analisi cliniche

Bios

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento