A Castelbrando lo spettacolo dell'albero di Natale più alto d'Italia

Alto 33 metri e decorato con più di 700 lampadine, ha sulla cima una grande stella che illumina tutta la vallata: impossibile non notarlo per chi alza lo sguardo

CISON DI VALMARINO CastelBrando, a Cison di Valmarino, ha acceso l’albero di Natale vivente più alto d’Italia. Con oltre 33 metri di altezza si classifica anche tra i primi 10 d’Europa. É un Cedro dell’Atlante (Cedrus atlantica), proveniente dall’omonima catena montuosa del Nord Africa, con un’età stimata di oltre 200 anni. L’albero di Natale, decorato con più di 700 lampadine ha sulla cima una grande stella che illumina tutta la vallata: impossibile non notarlo per chi alza lo sguardo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’enorme Cedro ultracentenario, di quasi 3 metri di circonferenza e cresciuto fra gli spalti protetto dalle mura di CastelBrando, è catalogato come albero monumentale ed è protetto dalla soprintendenza come bene storico nazionale. Gli abitanti della zona hanno una grande fortuna: quella di poter ammirare un albero unico nel suo genere, inserito in un contesto magico qual è il castello in questo periodo dell’anno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Coronavirus, nuovo aumento di casi in Veneto, Zaia: «Sono preoccupato»

  • Salvato dall'annegamento, 20enne muore dopo una settimana di agonia

  • Tragedia di Farra, Vittoria ha donato gli organi: fissata la data dei funerali

  • Scivola e batte la testa dopo un volo di 13 metri: muore a 21 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento