Claudio Baglioni, il cantautore in arrivo nella Marca per due date del tour "Al Centro"

Mezzo secolo di musica per l’artista, fra i più grandi della musica italiana di sempre. Appuntamento per lunedì e martedì alle ore 21 al Palaverde di Villorba

Claudio Baglioni è di nuovo “Al Centro”, per la seconda parte del tour che lo vede protagonista delle principali arene indoor d’Italia. Il cantautore romano sarà protagonista, domani e martedì, 15 e 16 aprile, al Palaverde di Treviso per due imperdibili eventi live organizzati da F&P Group e Zenit srl. Ultimi biglietti in vendita alla biglietterie del palazzetto nelle due giornate a partire dalle 18.00. Le porte del Palaverde apriranno poi al pubblico alle 18.30 in attesa dell’inizio del concerto, previsto per le 21.00. Tutte le info su www.azalea.it .

In questo straordinario spettacolo che vede il palco al centro, il pubblico, disposto a 360 gradi, può rivivere insieme all’artista mezzo secolo di grande musica attraverso una scaletta mozzafiato con tutti i più grandi successi proposti per la prima volta in ordine cronologico. “Al Centro”, premiato come “BestShow 2018” dalla rivista Sound&Lite, si chiuderà il 26 aprile al Nelson Mandela Forum di Firenze: un’ultima, imperdibile, data – la 50° – per coronare un anno di straordinarie celebrazioni per i 50 anni di carriera di uno dei più grandi protagonisti della storia della musica italiana.

50 anni di storia rappresentano un lungo viaggio, fatto di incontri tra persone che non si conoscono e che dividono assieme un momento della loro vita, che possa durare un’ora, un giorno o 50 anni. Una scena maestosa, unica nel suo genere, composta da una pedana computerizzata posta nella parte centrale, che crea movimenti verticali di diverse misure e forme, per un palco di 450 mq in continua evoluzione, mai uguale a se stesso, capace di trasformarsi a seconda dei brani eseguiti. Tanti anche gli elementi visivi e scenografici che hanno rappresentato la storia dei live di Claudio Baglioni. Un’occasione unica per ripercorrere 50 anni di indimenticabili successi, dagli esordi nel 1968 fino ai giorni d’oggi, la sua storia musicale raccontata in ordine cronologico, un ulteriore elemento di novità assoluta. Ai 4 angoli del palco sono posizionati i 21 musicisti polistrumentisti che, grazie alla presenza di fiati e archi, permettono alle canzoni di avere arrangiamenti nuovi e straordinari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ad arricchire ulteriormente lo spettacolo, 26 artisti di altre discipline, tra performer e acrobati, selezionati tra professionisti di comprovata fama ed esperienza, per una epocale prima volta musicale, artistica e scenografica. Tra i tanti elementi scenografici, la valigia, simbolo del viaggio per eccellenza, perché racchiude una piccola parte di ognuno, da proteggere e portare ovunque. Un’attenzione assoluta anche per tutti i dettagli, dalle luci e gli effetti speciali, come il video mapping su tutto il palco, ai costumi, con 20 cambi d’abito per gli artisti in scena. Non solo musica, quindi, ma un vero spettacolo a 360°, con coreografie, scenografie mobili e movimenti innovativi che rappresentano gli stili del mondo della danza, del teatro e della rappresentazione mimica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento