La città di Treviso è sempre più amica dei "pelosi": in Comune nasce l'Ufficio Animali

Il nuovo ufficio si occuperà, di concerto con veterinari e assistenti sociali, di valutare ed intervenire in tutte quelle famiglie disagiate in cui vivano anche cani e gatti

Cani e gatti sempre più tutelati. Succede a Treviso dove, seppur in sordina, negli ultimi giorni è stato definitivamente approntato l'Ufficio Animali in Comune. Come difatti riporta il "Corriere del Veneto", il progetto è stato seguito dall'assessore all'ambiente Alessandro Manera su indicazione del sindaco Mario Conte. Un progetto dedicato esclusivamente a quegli animali da affezione, principalmente cani e gatti per l'appunto, che vivano in degrado in famiglie disagiate per motivi economici o di salute. L'idea è infatti quella di procedere a schedare questi animali, controllandone la microchippatura, le vaccinazioni, l'alimentazione, le condizioni di salute in generale e l'eventuale sterilizzazione. Dopodiché, i delegati dell'Ufficio potranno redigere una scheda personale dell'animale in cui verranno inseriti anche i dati relativi ai proprietari e alle condizioni di vita della famiglia, così da poter intervenire tempestivamente in caso di presenza di una situazione deficitaria per il "peloso". Insomma, una sorta di assistente sociale per cani e gatti che dovrà districarsi tra normative e regolamenti sanitari al fine di tutelare gli animali da compagnia, evitando così, ove possibile, situazioni di degrado che purtroppo spesso sono al centro della cronaca locale. Al fine poi di operare al meglio, si è deciso di creare un tavolo di lavoro eterogeneo di cui faranno parte: veterinari, Enpa, polizia locale, assistenti sociali e dipendenti comunali del settore ambiente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Trovata in casa senza vita: albergatrice trevigiana muore a 63 anni

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Si era dato fuoco di fronte al "Per Bacco", muore dopo cinque giorni di agonia

  • Aneurisma fatale, muore dopo due mesi in ospedale: era appena diventato papà

  • Maltempo, sui social insulti contro i veneti alluvionati: «Ben vi sta»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento