Disservizi nel mondo della telefonia, è boom di segnalazioni dai consumatori trevigiani

Uno dei problemi più segnalati riguarda l'attivazione di servizi a pagamento non richiesti che "divorano" il credito senza che l'interessato se ne accorga se non quando è troppo tardi

Si va dai servizi a pagamento non richiesti ai disservizi nel passaggio da un operatore a un altro; dalle doppie fatturazioni alle ritardate attivazioni; dai costi di recesso non dovuti ai contratti strappati con l'inganno fino al malfunzionamento della fibra. Insomma, nel mondo della telefonia, nel quale ormai ogni cittadino si trova "invischiato", i problemi sono tanti e spesso di non facile risoluzione. In tale contesto, Adico rileva nel 2018 e nei primi mesi del 2019 un boom di richieste d'aiuto da parte di utenti trevigiani che hanno contattato l'associazione per farsi assistere nei confronti delle compagnie telefoniche. Nel 2018 le pratiche seguite dall'Adico sul fronte delle telecomunicazioni a favore di utenti della Marca sono state una settantina, contro le 52 del 2017. Anche nel 2019 le richieste di assistenza e le segnalazioni sono numerose.

"Il nostro ufficio legale - spiega Carlo Garofolini, presidente dell'associazione - prende in carico le situazioni più delicate, quelle per esempio in cui si devono contestare contratti fatti stipulare con raggiri soprattutto nei confronti di persone anziane, oppure quelle in  cui l'utente riceve fatture elevate o richieste di pagamento non dovute. In molti altri casi, quando le cifre in ballo sono modeste, spieghiamo alle persone come muoversi da sole, soprattutto rivolgendosi al Co.Re.Com. Le richieste di assistenza e di consulenza da cittadini trevigiani sono in continua crescita". Uno dei problemi più segnalati dai cittadini della Marca (ma in generale da tutti) riguarda l'attivazione di servizi a pagamento non richiesti che spesso "divorano" il credito senza che il diretto interessato se ne accorga se non quando è troppo tardi. "In questi casi - continua Garofolini - gli operatori hanno dei numeri tramite i quali è possibile disattivare subito il servizio. Intanto però una parte del credito se ne è andato e trattandosi molto spesso di poche decine di euro il cliente lascia stare. A chi si rivolge a noi, invece, spieghiamo che l'Agcom prevede indennizzi nei confronti di questa pratica scorretta". Sono diversi i rimborsi previsti dall'autorità, tutti elencati nel sito dell'Autorità per le Garanzie nelle telecomunicazioni: dall'indennizzo per i disservizi nella procedure di passaggio da un operatore  a un altro a quello per il ritardo nell'attivazione dell'offerta; dai rimborsi per la sospensione o cessazione di uno o più servizi senza che ve ne fossero i presupposti a quello per la perdita della numerazione. Insomma, conclude Gaofolini, "i mezzi per difendersi esistono anche grazie alle battaglie della associazioni dei consumatori, basta conoscere i propri diritti. Adico è a disposizione di tutti gli utenti per orientarli e tutelarli nella giungla delle telecomunicazioni".

Potrebbe interessarti

  • Vesuvio a rischio eruzione: il Veneto potrebbe ospitare i napoletani sfollati

  • Buona la prima: al Biscione in pista oltre 200 ballerini di tango argentino

  • Emergenza caldo, i sindacati: «Metalmeccanici a rischio, stop al lavoro»

  • L'estate incantata arriva a Treviso: cinema e spettacoli da luglio a settembre

I più letti della settimana

  • Astronave aliena atterra a Ca' Tron: il video fa il giro del web

  • Tragedia sul Piave, si tuffa in acqua e viene trascinato via dalla corrente

  • Travolto da un'auto mentre cammina a bordo strada, muore un 67enne

  • Sparito nelle acque del Piave, ore di angoscia per Nicola Bertoli

  • Grave incidente a Ponzano, cade con lo scooter: soccorso dal Suem 118

  • Semina il panico in città, poi punge con una siringa un carabiniere

Torna su
TrevisoToday è in caricamento