Melissa Brauer, la "Prosecco Queen" australiana, arriva in Italia per scoprire le origini del vino

Un viaggio di due settimane tra la Marca trevigiana e la città di Venezia per documentare il processo produttivo del Prosecco e la storia delle persone che lo lavorano

Melissa "Prosecco Queen" Brauer

Lei è Melissa Brauer, una sostenitrice, educatrice e marketer internazionale del Prosecco direttamente dall'Australia, dove vive e dove è conosciuta da tutti con il nome di 'Prosecco Queen'. Un appellattivo riconoscibile in tutto il Mondo e dettato del suo amore per il Prosecco e per i servizi dedicati alla sua commercializzazione e promozione nella sua terra natia.

Una donna a tutto tondo, tanto da esser stata intervistata per giornali, riviste, oltre che alla radio e sempre in merito alla sua passione per il vino trevigiano e la sua popolarità in costante aumento in Australia. Non esiste infatti altra singola persona in Australia dedicata alla promozione del Prosecco in questo modo, anche grazie ai corsi di perfezionamento e alle cene dove insegna ai propri clienti le origini del Prosecco, le diverse aree per la coltivazione del vitigno del Glera, la differenza tra DOC e DOCG, o come la spiegazione della differenza esistente tra Rive e Cartizze e quanto siano questi importanti per la qualità del prodotto. Tutto però nasce grazie al background nel marketing di Melissa, oltre alla scrittura, ai social media e alla fotografia professionale, tutte passioni che è riuscita a sposare al meglio con l'enologia. "Ho scritto per una vita e ho iniziato proprio per questo motivo il mio blog 'Gastronomel' su vino, cibo e viaggi quando sono stata in Italia nel 2010. La mia connessione con il Belpaese, e con Venezia in particolare, ha anche una storia speciale, perché mi sono fidanzata ufficialmente nel noto Harry's Bar, quando il mio compagno mi ha fatto cadere un anello di diamanti nel Bellini che stavo sorseggiando".

"Tornerò in Italia dal 31 agosto al 15 settembre per documentare l'esperienza di raccolta del Prosecco in Veneto. Ho infatti confermato diversi itinerari con un grande numero di cantine. Non voglio mostrare solo il processo di scelta scegliere dell'uva, ma andare dietro le quinte e trascorrere del tempo con i produttori locali, e in alcuni casi, le loro famiglie - continua Melissa - Ecco che farò quindi visita ad aziende come Nino Franco, Col Vetoraz, Perlage, PDC, Salatin, Bele Casel e tanti altri. Vorrei anche visitare Venezia per tre notti, dove con alcuni clienti potremmo esplorare le famose cicchetterie e condividere così sui social alcune foto sul cibo e le esperienze che troveremo e faremo! Mi impegno infatti ormai da anni a spiegare la bellezza della regione Veneto per il mio pubblico australiano e mi piacerebbe promuovere il territorio ai turisti del mio Paese, così come educarli sulla magia del Prosecco. Nei prossimi anni sicuramente organizzerò quindi ulteriori visite guidate, per i miei conterranei che desidereranno scoprire la Strada del Prosecco con me. Voglio inoltre documentare con perizia la mia esperienza con tutte le cantine, così come le bellissime zone di campagna, il tutto con la fotografia e un diario, oltre a condividere le mie attività ogni giorno sui social media. Vorrei infine anche scrivere una serie di articoli sul mio viaggio, per riviste e siti online, sia in Australia che nel Regno Unito. Il Prosecco deve essere conosciuto in tutto il Mondo".

Per scoprire ulteriori informazioni su Melissa Brauer, potete visitare il suo sito www.theproseccoqueen.com.au o ammirare le sue splendide fotografie su Instagram su questi profili: @squawkmedia, @proseccoqueenau  e @gastronomel! Infine, non dimenticate di passare da Facebook, Twitter e LinkedIn.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Attualità

    Sede unica per Inps e Ulss 2: siglato l'accordo

  • Attualità

    Concordato Stefanel, Furlan: «I lavoratori vogliono chiarimenti»

  • Cronaca

    Occuparono alloggio Ater, assolti in otto del Collettivo Ztl

  • Cronaca

    Delitto di Rolle, perizia della difesa sul dna: "C'è stata contaminazione"

I più letti della settimana

  • Cadavere ritrovato nel Piave, è l'imprenditore scomparso da Farra

  • Si ubriaca prima di entrare in classe, insulta la prof e collassa

  • Schianto nella notte sulla Pontebbana, grave un 18enne

  • Addio Home Festival: Treviso lo rimpiazza con il "Core Festival"

  • Natale a Treviso: c'è anche la sorella di Chiara Ferragni

  • Operaia Electrolux trovata morta in casa, colleghi in lutto

Torna su
TrevisoToday è in caricamento