Coronavirus, musei e biblioteca di Montebelluna si spostano sui social

La cultura non si ferma in questi giorni di grande emergenza sanitaria. Tutte le mostre e gli eventi cancellati per il virus troveranno nuove forme di compensazione su Facebook

Il Meve di Montebelluna (Foto d'archivio)

Gli hashtag #laculturaresiste #laculturanonsiferma, in questo periodo di chiusura dovuto al contenimento del contagio da Codiv19, sono stati scelti dai servizi culturali del Comune di Montebelluna come: la biblioteca comunale, il Museo di storia naturale e archeologia e il MeVe - Memoriale Veneto della Grande Guerra, con il coordinamento dell'Ufficio Cultura, per mettere in campo sulle proprie piattaforme social una serie di iniziative, trasformando il web in una nuova agorà digitale in cui scambiarsi idee, proposte e curiosità.

Tutti i concerti, le conferenze, gli spettacoli programmati, ma anche le mostre in essere presso Museo Civico e Meve attualmente non disponibili troveranno in questi giorni forme di compensazione sulle pagine facebook degli istituti culturali montebellunesi. La Biblioteca comunale propone consigli di lettura, ma anche materiali e schede di attività per le famiglie, cercando di differenziare i contenuti in base ai diversi target di pubblico che di solito riempiono le sale della Biblioteca comunale. Una vera e propria biblioteca virtuale. Il Servizio cultura, invece, propone tematiche di riflessione sulla cultura al tempo del Covid19, ma anche spettacoli teatrali online. Il Museo civico suggerisce dei tour virtuali nel dietro le quinte della mostra Sapiens, aperta il 15 febbraio: “Cronache dalla mostra Sapiens. Da cacciatore a cyborg #1” un racconto a puntate di come si arriva all’allestimento finale di una mostra archeologica, con contributi di specialisti di Soprintendenza, Università e Musei prestatori. Un’altra storia a puntate, sempre sulla pagina facebook del Museo Civico, porta il titolo di “Raccontiamo il Museo #1”: anche qui singoli reperti custoditi all’interno del Museo civico di Montebelluna verranno fatti parlare da esperti e studiosi del settore, consentendo un tour approfondito tra le collezioni del nostro territorio. E ancora: spunti di letture specialistiche e altri originali punti di vista, per fare entrare l’archeologia e le scienze naturali in casa nostra.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il Memoriale Veneto della Grande Guerra propone 14 puntate online di approfondimento storico, partendo dai contenuti presenti all'interno del Memoriale e toccando temi di estrema attualità come per esempio lo sguardo sulle fake news del passato per imparare a leggere le notizie di oggi, o ancora una riflessione sull'epidemia di spagnola, e anche in questo caso, focus su letture e occasioni per avvicinarsi alla storia in modo “leggero” e quanto mai contemporaneo. Domenica 29 marzo gli istituti culturali montebellunesi hanno partecipato al flashmob promosso dal Ministero per i beni e per le attività culturali e per il turismo coinvolgendo gli igers che in questi anni hanno partecipato alle call promosse da diversi istituti statali in un grande evento digitale su Instagram. «Con gli hashtag #artyouready e #emptymuseum, le comunità igers, gli influencer, ma anche tutti i fotografi professionisti o amatoriali e, naturalmente, i visitatori di tutte le generazioni, sono stati invitati a pubblicare per l’intera giornata le foto realizzate all'interno di musei, parchi archeologici, biblioteche e archivi d’Italia, dando preferenza a quelle prive di persone». Pur in una dimensione locale, ma come sempre è accaduto per le istituzioni culturali montebellunesi, Biblioteca Comunale, Museo Civico e Memoriale si fanno portavoce di istanze nazionali e internazionali, proprio nella convinzione che la cultura non ha confini. In queste settimane le risposte degli affezionati utenti di Biblioteca Comunale e Musei di Montebelluna e i like sulle pagine social fanno capire quanto ci sia bisogno di cultura, anche virtuale, pur in un momento difficile come questo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vasto incendio da "Vaka Mora": a fuoco 500 balle di fieno

  • Malattia fulminante spegne la vita della piccola Nicole a soli 12 anni

  • Scompare all'improvviso da casa, il biglietto ai genitori: «Non venitemi a cercare»

  • Runner scivola e precipita nel vuoto: muore 37enne

  • Apre a Oderzo il Würth Store, negozio con oltre 5 mila prodotti professionali

  • Ricerche sui terremoti, trevigiano premiato dall’ETH di Zurigo

Torna su
TrevisoToday è in caricamento