15 giugno 1969-15 giugno 2019: Cinquant'anni dell’osteria "Ai Pioppi"

Grande festa a Nervesa della Battaglia pochi giorni fa

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Un’occasione per rendere omaggio al lavoro svolto dal fondatore Bruno Ferrin e da sua moglie Marisa Zaghis, che in questo mezzo secolo hanno trasformato Ai Pioppi da semplice frasca a realtà con un migliaio di coperti. Oltre ad un magnifico parco giochi con 40 attrazioni azionate unicamente dal movimento e dalla forza di chi le utilizza, senza elettricità. Una giornata in cui chi ha deciso di passare qualche ora al parco per mangiare e giocare, ha potuto ricevere la borsa ed il book che racconta questa incredibile storia attraverso immagini e parole del fondatore. Ma anche un’occasione per Bruno di festeggiare insieme alla famiglia, agli amici di una vita e ai tanti fornitori che negli anni l’hanno aiutato a portare avanti questo suo sogno. «Oggi il turista ricerca esperienze autentiche non generiche attrazioni. Bruno Ferrin che cinquant’anni fa ha fondato il parco “Ai Pioppi” a Nervesa assieme a sua moglie Marisa lo aveva già capito molto tempo fa. Sono realtà come la sua che hanno portato ad un forte aumento del turismo in Veneto e soprattutto nella Marca.» Con queste parole l’Assessore regionale al Turismo Federico Caner ha ringraziato Bruno e Marisa per il lavoro svolto in questi 50 anni Ai Pioppi, consegnando come dono la bandiera della Regione e portando anche un messaggio del Presidente della Regione Zaia. Tra gli invitati c’erano anche il sindaco di Villorba, Marco Serena e la sua assessora alla Cultura, Eleonora Rosso, oltre a Andrea Cogo e Paolo Zanatta come rappresentanti del presidente della Provincia, Stefano Marcon, e del sindaco di Nervesa, Fabio Vettori.

Torna su
TrevisoToday è in caricamento