Natale a Oderzo: in arrivo un mese e mezzo di feste ed eventi

Dall'albero di Natale fatto con l'uncinetto al grande Panevin sul Monticano. Si inizia il 30 novembre e si finisce l'11 gennaio. Lo spettacolo e il divertimento sono assicurati

Il Panevin 2018 in Piazza Grande (Foto di Maurizio Paro)

E’ ormai stato definito il calendario eventi, promosso dall'amministrazione comunale di Oderzo in collaborazione con ForO’ e le associazioni di volontariato opitergine, che, come di consueto, animeranno il periodo natalizio che quest’anno inizierà da sabato 30 novembre per concludersi il prossimo 11 gennaio 2020.

Fitto il programma di appuntamenti a tema pensati per vivere l’Avvento e le festività di fine anno tra luci, suoni, sapori e l’atmosfera incantata del Natale: dal suggestivo carillon vivente che percorrerà il centro opitergino nella giornata di apertura della rassegna, al tradizionale “panevin” frazionale di Rustignè, che chiuderà il calendario, si alterneranno in città, nell’arco di oltre un mese, momenti di spettacolo ed intrattenimento in grado di soddisfare qualunque età ed interesse. Spiccano, tra le nuove iniziative, l’installazione, in Piazza Grande, di un planetario, visitabile da sabato 7 dicembre, per scoprire i segreti della volta celeste, tra stelle e galassie proiettate in 3D con una definizione pari a quella di un potente telescopio, e l’accensione il 1 dicembre, in Piazza del Foro Romano, dell’albero di Natale in lana, interamente realizzato all’uncinetto, a cura del gruppo di associazioni di volontariato “Insieme diamo luce”.

Tra i nuovi eventi, lo spettacolo Frozen live show che, in Piazza Grande, sabato 14 dicembre in occasione dell’uscita nelle sale di Frozen II, porterà in città Elsa ed Anna, le protagoniste della favola Disney che interpreteranno le più belle canzoni del film. Sabato 21 dicembre, invece, Il magico bosco di Gan, accoglierà i più piccini con folletti e sbilfs, in Piazza del Foro Romano e grazie alla collaborazione di Molino Rosenkranz ed ArtVen,  e le favole del bosco incantato. Palati soddisfatti in modo originale, infine, grazie al 1° Festival del Cacio&Pepe e della cucina romana che, da venerdì 20 a domenica 22 permetterà a tutti di gustare, in Piazza Grande, i must della cucina laziale: dalla classica pasta “cacio&pepe”, alla “gricia” ai carciofi “alla Giudìa”. Tra le molte conferme, troviamo – tra le altre - la 4^ edizione de “La marcia dei Babbi Natale” che, grazie ad Asd Nuova Atletica 3 Comuni, porterà chiunque vorrà mettersi in cammino a percorrere i 5 chilometri del circuito passeggiare tra le strade del centro e coniugando l’attività fisica al fine benefico di una raccolta fondi a favore delle famiglie in difficoltà del territorio. Allo stesso modo, giovedì 12 dicembre, si svolgerà la festa intergenerazionale "Porta i nonni alla festa di Natale" che, come da tradizione, animerà, presso il Teatro Brandolini Rota, il pomeriggio di bambini e famiglie con canti natalizi e tombolata gigante. Altra conferma importante, l’iniziativa "Che incanto", il contest di cori che, in Piazza del Foro Romano sabato 14 dicembre, farà risuonare lungo le vie del centro, grazie ad Asac Veneto ed A.RI.S.MA, le suggestive note ella tradizione natalizia.

Confermato anche il classico appuntamento con il concerto-aperitivo di fine anno, martedì 31 dicembre alle ore 11, presso il Teatro Cristallo, quando l’Orchestra Regionale Filarmonia Veneta si esibirà per la cittadinanza abbinando lo spettacolo ad una raccolta fondi destinati alle popolazioni della costa veneta colpita dal maltempo. Come consuetudine nelle ultime edizioni, dunque,  anche quest’anno il cartellone di eventi “Oderzo è Natale” è frutto di un lavoro collettivo che ha visto collaborare Amministrazione comunale, Associazione ForO’ e mondo del Volontariato locale nell’offrire un programma altrimenti difficilmente realizzabile, ricco di appuntamenti in grado di vivacizzare la città e far assaporare, ad opitergini ed ospiti, l’atmosfera suggestiva del Natale. Proprio alle associazioni ed a tutti i volontari coinvolti è rivolto il ringraziamento dell’amministrazione ed, particolare, del sindaco Maria Scardellato la quale, ancora una volta, sottolinea «l’importanza della capacità di condividere le energie, le forze e le risorse pubbliche e private per raggiungere obiettivi molto più efficaci ed ambiziosi  rispetto a quelli realizzabili singolarmente».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Fossalunga, imprenditore e padre di due figlie trovato morto

  • Acqua micellare: le verità nascoste

  • Cade dallo slittino, batte la testa e muore in ospedale a 19 anni

  • Uccisa a Capo Verde: sui social una raccolta fondi per aiutare i figli

  • Chiede al bar gratta e vinci per 400 euro: non vince nulla ed esce senza pagare

  • Tumore incurabile, il sorriso di Giorgio De Longhi si è spento a 57 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento