"Pensare il futuro": Massimo Cacciari inaugura il festival filosofico di Treviso

L'ex sindaco di Venezia sarà l'ospite d'onore della serata inaugurale del festival filosofico trevigiano, all'auditorium Pio X. Tantissimi gli ospiti e gli eventi in programma

Foto tratta da Google Immagini

TREVISO Si aprirà il 4 maggio alle ore 18 con un intervento di Massimo Cacciari all'auditorium Pio X in Borgo Cavour 40, la quarta edizione del Festival filosofico della città Treviso, organizzato dalle associazioni Pensare il presente e Imagonirmia e dedicato quest'anno al tema “Pensare il futuro”.

Un festival multidisciplinare, in cui la filosofia si intreccia con altre forme del sapere, come la fisica, la sociologia, il diritto, l’economia e l’arte, per misurarsi con le questioni più concrete e urgenti che il nostro tempo pone: qual è il ruolo del pensiero nell’epoca dei tweet e della comunicazione accelerata dei social? Come districarsi tra i media, distinguendo le informazioni vere dalle fake news, per non essere manipolati da chi controlla la rete? Cosa possiamo fare per superare la violenza di genere e riconoscere pienamente i diritti delle donne? Cosa sta accadendo all’economia italiana e quali pericoli dovremo attraversare nei prossimi anni? Come sta cambiando il mercato del lavoro e quali sono le prospettive di vita, in particolari per le giovani generazioni? È possibile coniugare, all’interno del carcere, l’esigenza di punire chi commette un reato con la sua rieducazione, per favore un reale reinserimento sociale? E quali mutazioni stanno trasformando in modo inarrestabile, anche se non sempre percepibile o consapevole, le pratiche della scrittura, dell’arte e della musica? La filosofia si confronterà, dunque, con il tempo futuro, la dimensione più sfuggente, specialmente nella congiuntura di questo strano presente, dove l'incertezza sembra massima, i vecchi paradigmi appaiono superati e le sfide del domani si presentano particolarmente impegnative. Senza pretese di esaustività, ma con atteggiamento critico e servendosi sempre degli strumenti della ragione. Questi e molti altri temi saranno dunque al centro del Festival che è divenuto sinonimo di ricerca e divulgazione filosofica nel capoluogo della Marca.

"Una manifestazione che già nelle precedenti edizioni si è dimostrata capace", sottolinea Damiano Cavallin, direttore del Festival filosofico "di coinvolgere un vasto pubblico, composto non solo da studiosi ed appassionati, ma anche da semplici curiosi che accettano la sfida del pensiero. Tutti gli eventi saranno gratuiti, così come gratuito è, da sempre, il lavoro del comitato scientifico e organizzatore, dei relatori e degli altri volontari, a cui va il nostro ringraziamento. Senza di loro e senza i nostri partner, questo Festival, che si regge su risorse economiche limitatissime, non sarebbe possibile". L’iniziativa, progettata e realizzata dall’Associazione Pensare il presente e da Imagonirmia, gode del patrocinio del Comune di Treviso ed è sostenuta dall’ospitalità di Hotel Maggior Consiglio e Trattoria Due Mori, dal supporto di Auser, CGIL e Cinema Italia Eden di Montebelluna e dalla collaborazione di Libreria Goldoni di Treviso, Associazione Musicale Francesco Manzato, Liceo Duca degli Abruzzi, Istituto Giorgi-Fermi, Cooperativa Idea Sociale, Arci e Università Popolare di Treviso. Pensare il futuro è inoltre parte della rete Treviso Festival, che raccoglie i festival culturali della città di Treviso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo la conferenza d’apertura, con la lectio magistralis di Massimo Cacciari, il programma proseguirà, sempre il 4 maggio, con una performance musicale all’auditorium Santa Caterina, alle ore 21:00. Alessandro Zannier e gli Ottodix ensemble presenteranno Micromega, un viaggio tra fisica e filosofia, dall’infinitamente piccolo al multiverso. Le conferenze riprenderanno invece il 5 maggio alle ore 17:30 all’auditorium CGIL, con Lorella Zanardo che si interrogherà sul futuro delle donne e sulla violenza di genere. L’appuntamento è sostenuto anche da Treviso in Rosa, la corsa ludico-motoria, tutta al femminile, che colorerà la città di Treviso la mattina seguente. Il 7 maggio, alle 20:30 all'auditorium Stefanini, Piero Vereni, professore di antropologia culturale all'Università di Roma Tor Vergata da anni impegnato in attività educative all’interno degli istituti penitenziari, affronterà il tema delicato del carcere e della giustizia retributiva. L'11 maggio, all'auditorium Stefanini alle 16:45, Maurizio Lorber, docente di Metodologia della ricerca storico artistica all’università di Udine, interverrà sul tema dell'immagine e della cultura visiva nella nostra società, dialogando con alcuni bambini delle scuola primarie. Alle 20:30, nell’aula magna dell’Istituto Fermi, il Festival continuerà con Domenico De Masi, professore emerito di Sociologia del lavoro all'Università La Sapienza di Roma, che porterà la sua esperienza di ricercatore sui temi del lavoro, dell'occupazione e della disoccupazione. Il 15 maggio, alle 20:30 all’auditorium CGIL, si discuterà del futuro dell’informazione, con Gianni Vattimo, professore emerito dell’Università di Torino, Luigi Perissinotto, professore di filosofia del linguaggio all’Università Ca’ Foscari di Venezia, e Andrea Miconi, docente di sociologia dei media alla IULM di Milano. Il 19 maggio alle 19:00 un nuovo appuntamento, realizzato in collaborazione con la Libreria Goldoni di Treviso, che ospiterà l’evento: Alan Friedman, celebre giornalista e conduttore televisivo, presenterà il suo ultimo libro, interrogandosi sul futuro dell’Italia e della nostra economia. Il programma prevede anche alcuni incontri musico-filosofici, in collaborazione con l’Associazione musicale Manzato, a cura di Attilio Pisarri e Daniele Goldoni, che il 19 e il 26 Maggio, alle ore 17.00, non si limiteranno a parlare di musica e futuro, ma intratterranno il pubblico, insieme ad altri musicisti e compositori, con improvvisazioni e performance sonore.  Infine il 23 maggio, alle 20:30 presso il Liceo Duca degli Abruzzi interverrà il professore Emerito della Statale di Milano, Carlo Sini, per parlare del futuro della scrittura, nell’era di internet e dei social network. Il mese di maggio si presenta quindi per la città di Treviso ricco di appuntamenti. Per entrare, con maggiore consapevolezza, nel futuro che ci aspetta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento