Arriva a Treviso TEDx: punto di riferimento per idee innovative

Il format californiano di conferenze debutterà in città l’11 novembre. La licenza della fondazione Usa è stata concessa ad un gruppo di giovani e professionisti che da mesi sta lavorando all'evento grazie al supporto del Comune di Treviso, Unindustria, Ca’ Foscari e di molti privati

TREVISO TEDx Treviso ormai sta diventando una realtà sempre più importante. Sabato 11 novembre Palazzo dei Trecento ospiterà la prima edizione del capoluogo della Marca della conferenza legata al marchio statunitense TED – Technology Entertainment Design, fondato nella Silicon Valley nel 1984 e diventato un appuntamento che oggi coinvolge, oltre a tecnologia e design, il mondo scientifico, culturale ed accademico.

Dopo essere approdato a Padova, Vicenza, Verona, Castelfranco Veneto e Cortina d’Ampezzo, tutto è pronto per portare il format anche a Treviso. La licenza – nella formula TEDx, dove la “x” indica l’indipendenza rispetto alle conferenze statunitensi – è stata acquisita da Nicolò Rocco, ventottenne libero professionista nel campo della consulenza e consigliere comunale del capoluogo. Ha messo in piedi un gruppo di lavoro composto da studenti e da professionisti del territorio che da mesi sta organizzando l’atteso appuntamento, con l’obiettivo di replicare il grande successo che il format ha ottenuto nelle città italiane e venete in cui finora si è tenuto. Il tutto con il sostegno concreto e attivo non solo di molte aziende, ma anche con il patrocinio di istituzioni, associazioni di categoria e università come il Comune di Treviso, Unindustria Treviso e Ca’ Foscari, a dimostrazione che la Marca trevigiana crede e investe nella “contaminazione con le idee che cambieranno il mondo”.

Obiettivo di TEDx è infatti la diffusione di idee di valore attraverso un format innovativo: tanti relatori appartenenti ad ambiti diversi fra loro, che si alternano sul palco avendo a disposizione un tempo limitato. Un ritmo incalzante, con un filo conduttore non vincolante per gli argomenti trattati ma capace di rendere unico e irripetibile ogni evento, a seconda della città nel quale viene promosso. “Mi sono avvicinato a questo mondo completamente nuovo per me grazie agli organizzatori di TEDx Padova, che ad agosto hanno esportato il format con grande successo anche a Cortina e ho pensato che la città di Treviso meritasse un appuntamento di grande livello. Per questo – spiega Nicolò Rocco – ho iniziato tutto il percorso per chiedere la licenza alla casa madre a New York e già quella è stata un’esperienza personalmente davvero interessante. La fondazione Usa ha voluto infatti conoscere a fondo quali siano le motivazioni che spingono ad organizzare un TEDx, quali i valori, quali le idee che secondo me potrebbero cambiare il mondo, per quale ragione Treviso potesse essere un luogo capace di incontrare lo spirito della conferenza”. Regole rigide sia per l’ottenimento della licenza che, una volta avuto il via libera, anche per l’organizzazione: dal numero delle telecamere che riprenderanno il palco dei relatori all’utilizzo dei social network dedicati all’evento.

“Il tutto portato avanti solo per pura passione e senza fini di lucro”, precisa Rocco, che annuncia che il programma e l’elenco degli speaker ormai sono pronti e saranno resi pubblici nelle prossime settimane. “Stiamo lavorando intensamente per riuscire a dare una connotazione forte e particolare a un evento che, solo per il nome che porta, ha già un’identità fortissima. Il nostro TEDx sarà un inno alla trevigianità che sa confrontarsi con il resto del mondo, all’innovazione che non dimentica mai le proprie radici”. Il 10 ottobre prossimo, a un mese di distanza dall’appuntamento di Palazzo dei Trecento, organizzatori e speaker si presenteranno pubblicamente nella sede di Unindustria a Palazzo Giacomelli. In quell’occasione saranno illustrate anche le modalità di partecipazione all’evento che già da ora promette d'essere uno degli eventi più interessanti di questo autunno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, c'è la prima vittima a Treviso: è una donna di 75 anni

  • Lascia un biglietto d'addio poi si toglie la vita a soli 39 anni

  • Malore fatale al lavoro: padre di due bambini muore a 31 anni

  • Trovata morta nella culla a soli 5 mesi: addio alla piccola Azzurra

  • Operaio con febbre alta: «Ero a Vo'». Dipendenti tutti a casa alla "Breton"

  • Coronavirus a Treviso, 12 persone positive al tampone: scatta l'isolamento

Torna su
TrevisoToday è in caricamento