La via dei presepi: torna il viaggio tra i tesori delle chiese trevigiane

Presepi monumentali e opere d’arte tutti da scoprire dal 27 dicembre al 6 gennaio. Si ripeterà anche quest'anno l'iniziativa del Comune dedicata alle festività natalizie

Il presepe dei vigili del fuoco

Un percorso dedicato alla scoperta dei presepi monumentali e delle opere d’arte ospitate nelle chiese cittadine. Dal 27 dicembre al 6 gennaio il Comune di Treviso, in collaborazione con Cattedrale Treviso Eventi Arte e Cultura e UNPLI Treviso, offrirà l’opportunità a cittadini e appassionati di visitare magnifiche rappresentazioni monumentali e artistiche della natività in una “Via dei Presepi” che andrà a coinvolgere ben sette luoghi sacri della città.

apreda-2

Ogni giorno, dalle 8 alle 12 e dalle 15 alle 18.30 (la Cattedrale sarà aperta con orario continuato dalle 8 alle 18.30), sarà possibile intraprendere un viaggio nella tradizione natalizia servendosi di una vera e propria mappa, con partenza dalla Chiesa di S. Francesco, che ospita il Presepe realizzato dal Gruppo Francescano Presepisti, fino ad arrivare alla tappa finale di San Nicolò, impreziosita dal presepe di tradizione napoletana. Lungo la Via dei Presepi, si potranno visitare inoltre la chiesa di Santa Maria Maddalena e la chiesa Cattedrale che ospiteranno le Natività, “Via Giulia”, “Via Lungaretta” e “Via della Luce”, opere di Christian Apreda – artista romano conosciuto per la sua straordinaria abilità nel ricostruire rigorosamente a mano suggestivi set di una Roma  ispirata dagli acquerelli di Ettore Roesler Franz, esponente del Realismo del tardo ’800 -, Santa Maria Maggiore, con la mostra dei presepi ospitata nel chiostro, il presepe tradizionale del Museo diocesano (che con Ridotto a 3 euro ospita anche la straordinaria mostra “60 Paesi, 300 Presepi”) e, infine, il presepe tradizionale di Sant’Agnese. La sede dei Vigili del Fuoco di via Santa Barbara ospiterà invece, per il 6° anno consecutivo, un presepe ispirato all’operatività dei Pompieri e che quest’anno sarà dedicato agli incendi che hanno colpito la foresta Amazzonica, polmone verde della terra, simbolo di un ecosistema e di una biodiversità che i pompieri, con il loro lavoro, contribuiscono a salvare ogni giorno. Eventuali offerte saranno devolute all’Associazione Onlus Per mio figlio per il progetto “Oasi di Pediatria”. Il presepe sarà visitabile tutti i giorni dal 3 dicembre 2019 al 31 gennaio 2020.

Apreda4-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al Portello Sile Spazio Culturale degli Alpini in via Tasso, piazza Garibaldi, dal 14 dicembre al 6 gennaio, si potrà visitare una suggestiva esposizione di presepi realizzati da artigiani veneti, che rappresentano in modo tradizionale la nascita di Gesù utilizzando materiali recuperati in natura e piccoli presepi da collezione. Inoltre, l’Assessorato all’Istruzione ha lanciato l’iniziativa “La cesta del cuore”: gli studenti delle scuole elementari e medie prepareranno un addobbo natalizio o un biglietto con un pensiero personale come augurio di “Buon Natale” che saranno collocati in apposite ceste di fronte ai Presepi in omaggio ai visitatori. Nell’ambito della valorizzazione del patrimonio artistico e culturale cittadino, la Via dei Presepi inaugura con la possibilità di effettuare (solo su prenotazione), sabato 28 dicembre, alle 15.30 una visita guidata gratuita alle chiese oggetto dell’iniziativa: San Nicolò, Sant’Agnese, Cattedrale di San Pietro, Chiesa di San Francesco, Chiesa di Santa Maria Maggiore, Chiesa di Santa Maria Maddalena (durata 2 ore circa, partecipazione gratuita, prenotazioni: IAT Treviso Centro, tel. 0422-595780). La partenza sarà dall’ufficio IAT Treviso centro, in Piazza Borsa. La Via dei Presepi si concluderà venerdì 3 gennaio alle 21 nella chiesa di Santa Maria Maddalena con il concerto “One World, one voice, one song” a cura del Coro Gioventù In Cantata di Marostica dell’Associazione Contarini di Jacopo Cacco (entrata libera fino ad esaurimento posti). 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borsa di cibo gettata tra i rifiuti: «Uno spreco che fa rabbia»

  • Schiacciato da un camion in rotonda, ciclista muore a 63 anni

  • Vasto incendio da "Vaka Mora": a fuoco 500 balle di fieno

  • Malattia fulminante spegne la vita della piccola Nicole a soli 12 anni

  • Scompare all'improvviso da casa, il biglietto ai genitori: «Non venitemi a cercare»

  • Nuova ordinanza di Zaia: «Mascherine solo al chiuso o a meno di un metro»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento