La primavera del prosecco sbarca a Guia e a Colbertaldo di Vidor

E nel prossimo fine settimana la Primavera del Prosecco Superiore proseguirà anche a San Pietro di Barbozza con la 48a Mostra del Cartizze e Valdobbiadene Docg

VIDOR Arriva a Colbertaldo di Vidor e a Guia la Primavera del Prosecco Superiore, la rassegna che promuove la grande cultura enologica dell’Alta Marca. Dal 14 al 29 aprile si svolgerà la 39a Mostra del Valdobbiadene Docg Rive di Colbertaldo e Vidor, in un luogo magico che ospita il Santuario di Madonna delle Grazie. Tra degustazioni e percorsi enogastronomici, il programma propone il 15 aprile “Camminando sui luoghi della Grande Guerra”, passeggiata guidata da un esperto conoscitore della storia e dei luoghi per ricordare i fatti della Grande Guerra nel centenario della Battaglia Finale. La 50a Mostra del Valdobbiadene Docg si svolgerà invece a Guia, dal 13 aprile al 1 maggio. La manifestazione si prefigge di valorizzare il territorio del Valdobbiadene Docg ed in particolare della frazione di Guia. In degustazione anche una sezione dedicata agli spumanti ed una al vino della tradizione.

E nel prossimo fine settimana la Primavera del Prosecco Superiore proseguirà anche a San Pietro di Barbozza con la 48a Mostra del Cartizze e Valdobbiadene Docg  che offrirà la possibilità di degustare il “Vin Santo del prete” preparato dal parroco del paese, e a Col San Martino dove andrà in scena la 62aMostra del Valdobbiadene Docg, la più longeva delle rassegne legate alla Primavera del Prosecco. Come sempre, alle mostre saranno affiancate tante diverse proposte: dallo spiedo della tradizione alle serate musicali, dalle cene dedicate alla gastronomia locale agli eventi sportivi, con la Primavera del Prosecco Superiore ognuno potrà trovare la propria declinazione per vivere le “colline DOCG”. Si sviluppa infatti nel territorio del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore l’itinerario culturale e gastronomico che racconta un territorio ed il vino che l’ha reso celebre: dalle tradizionali “Mostre del Vino” alle passeggiate enoturistiche, dai circuiti dedicate alle due ruote, alle mostre d’arte, ancora una volta l’evento proporrà appuntamenti per tutte le esigenze, come testimoniano gli oltre 250.000 visitatori delle scorse edizioni.

NON SOLO ENOGASTRONOMIA… Tante le iniziative culturali in programma, grazie alla collaborazione con la Gipsoteca Canova di Possagno, il Museo della Battaglia di Vittorio Veneto e la Mostra “Teodoro Wolf Ferrari” a Palazzo Sarcinelli a Conegliano. Tutti i visitatori delle Mostre del Vino potranno infatti ritirare un buono per l’ingresso ridotto ai Musei, da utilizzare nei mesi della Rassegna.

PRIMAVERA DEL PROSECCO SUPERIORE… IN CONCORSO Nel centenario del primo conflitto mondiale,la Primavera del Prosecco Superiore renderà omaggio alla ricorrenza, dedicando il CONCORSO FOTOGRAFICO proprio alla Grande Guerra, che qui ha avuto il suo scenario più importante. Attraverso le fotografie, lo spettatore dovrà far emergere il rapporto tra il territorio e questo capitolo della storia italiana. Modalità di iscrizione e regolamento del concorso sono a disposizione al sito ufficiale dell’evento. 

Alla stampa è invece riservato il GRAN PREMIO GIORNALISTICO “Racconta la Primavera del Prosecco”. Ai giornalisti italiani e stranieri che meglio riusciranno a catturare e trasmettere le atmosfere create dalla Primavera del Prosecco Superiore verrà riservato un riconoscimento speciale che sarà consegnato nel corso della tradizionale Serata di Gala che conclude la rassegna. Regolamento sul sito ufficiale dell’evento.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con la Ferrari del papà il figlio di mister Nice

  • Camionista trovato morto nel parcheggio del centro commerciale Arsenale

  • Lutto nel mondo del Prosecco: Orfeo Varaschin muore a 50 anni

  • Schianto auto-moto, ferito un centauro: deve intervenire l'elisoccorso

  • Fuggono ad un controllo di polizia ma si schiantano contro un negozio: grave un uomo

  • Grave incidente lungo la Feltrina: due uomini rimangono incastrati tra le lamiere

Torna su
TrevisoToday è in caricamento