Le penne nere festeggiano il mitico mulo Iroso

Il reparto salmerie degli alpini di Vittorio Veneto, domenica 13 gennaio, festeggerà i quarant'anni dell'ultimo quadrupede alpino vivente

Il mulo Iroso

Domenica 13 gennaio il Reparto Salmerie degli alpini di Vittorio Veneto festeggerà i quarant'anni del mulo Iroso - equivalenti a centoventi per un essere umano-, l’ultimo mulo alpino vivente (matricola 212) con una festa in suo onore coinvolgendo alpini ed amici per sottolineare e vivere insieme questo importante traguardo raggiunto.

Il programma della manifestazione:

-alle ore 10.30, ritrovo dei partecipanti presso l'abitazione dell'alpino Antonio De Luca, in Via Rive 3 ad Anzano per incontrare il buon Iroso e per passare qualche momento in amicizia riscaldando l'atmosfera con vin brulè e rinnovare gli auguri per un sereno 2019;

-alle ore 11.15, benedizione degli animali, sperando che pur anticipandola di qualche giorno (S.Antonio Abate si festeggia, infatti, il 17 gennaio) sia comunque di buon auspicio per quest'anno che si presenta ricco di iniziative e di impegni;

-alle ore 12.00, Rancio alpino all'insegna dell'allegria conviviale.

Vi sarà durante la giornata la proiezione di filmati relativi ai muli e alle attività del Reparto Salmerie degli alpini.

Potrebbe interessarti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • Bambina di tre anni "dimenticata" all'interno di uno scuolabus

  • Malattia incurabile: morto il titolare della pizzeria "Da Gennaro"

  • Ciclismo trevigiano in lutto: Christian Cigaia perde la vita a soli 47 anni

I più letti della settimana

  • Spaventoso rogo in una autodemolizione, a Fiera torna l'incubo

  • Schianto frontale tra camion e auto sulla Postumia, muore 60enne

  • «Lo ha fatto apposta, ha sterzato di colpo contro l'altra macchina»

  • Carambola tra cinque auto e un camion sulla Feltrina, quattro feriti

  • Malattia incurabile: il sorriso di Antonella si spegne a 50 anni

  • L'addio a "Pina", il marito: «Farò di tutto perché sia fatta giustizia»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento