Il ritorno agli anni ottanta: consigli per avere un’ abitazione in pieno stile 80's

Dalle pareti in mattoni di vetro, allo chintz dal pavimento al soffitto, gli anni '80 hanno dato origine a innumerevoli tendenze di interior design, che oggi sono poco più che un lontano ricordo. Esploriamo quelle che erano le tendenze della casa, cogliamole e decliniamole ad oggi, gli 80's sono tornati ad essere un must

La moda, le tendenze, gli stili, sono mutevoli e caratterizzanti le decadi storiche. I gusti cambiano, spesso generano degli evergreen e dei must che tornano con fervore e in chiave nuova, alla ribalta. Gli anni 80, con le sue finiture brillanti e trame selvagge, sull'onda mediatica delle nuove ed esclusive tv series, dal chiaro stampo epocale, sono tornati! La nostra fortuna e che conoscendoli, possiamo estrarre solo gli aspetti positivi e l'estetica di rilevanza, lasciando nel passato le bizzarrie kitsch.

Vetrocemento

Erano un muro? Una finestra interna? O semplicemente una cattiva idea? Non importa quale sia l'opinione personale sulla tendenza del vetrocemento, non si può negare che questi blocchi di vetro, fossero ovunque negli anni '80. Nonostante la loro popolarità nel design degli anni '80, i mattoni di vetro non sono stati effettivamente creati in quel decennio o addirittura in quel secolo. Il mattone di vetro cavo Falconnier, creato alla fine del 1880 dall'architetto e ingegnere Gustave Falconnier, era il modello iniziale di quello che conosciamo e amiamo (o odiamo) oggi. Un evergreen che consente, ad esempio, di separare gli ambienti di casa, senza privarsi della luce naturale.

Tende alla veneziana verticali

In gran parte visti nei motel, le tende verticali erano una tendenza importante nell'arredamento ultra moderno degli anni '80. Tuttavia, la loro discutibile copertura delle finestre, unita alla loro frequente rottura, li ha resi per lo più un ricordo del passato.

 Armadi in rovere miele

Se la tua casa aveva armadi in rovere miele negli anni '80 , sei tutt'altro che solo. Per molti designer, la tendenza sarà per sempre un emblema dello stile del decennio.  

Memphis Design

Potrebbe essere stato chiamato Memphis Design, ma i colorati motivi geometrici che adornavano le case degli anni '80 - e salvati dalla Bell di The Max - in realtà provenivano dall'Italia. Un collettivo di design che, nonostante la popolarità e la proliferazione dei loro prodotti, collaborò come solo sette anni.

"Più brillante, meglio è"

Nello stile anni ’80 fanno da padrone i colori decisamente forti, dalla texture opaca e/ o fluo, con  le pareti in contrasto con i bianchi e neri laccati dell’arredamento e dei complementi d’arredo moderni, di vetro, metallo e legno. In questo decennio, nasce il concetto di “open-space”: gli spazi si fanno aperti e cominciano a convivere nello stesso ambiente cucina, sala da pranzo e soggiorno senza troppe divisioni. L' angolo tv, grazie anche alle nuove tecnologie di home entertainment che si affacciano sul mercato e i primi sistemi di dolby surround, diviene l'elemento di spicco sia ad unire la famiglia, che nel dimostrare lustro. Ambienti funzionali, linee pulite e vagamente spaziali,  divani di pelle scura e le sedie e le lampade di design, questi ultimi anche dai colori fluo. Il tutto avvolto e ' impacchettato' con carta da  parati, rigorosamente tropical e floreale, che fanno da sfondo ai mobili in lacca, un vero must negli anni '80, presenti in ogni ambiente della casa ( per intenderci, erano imprescindibili, alla stregua dei banconi di granito e degli elettrodomestici in acciaio inossidabile, oggi).

Malva e Chintz

Se negli anni '70, tutto era tutto invaso dal Verde avocado, gli '80 furono Malva. Questo può essere in gran parte attribuito alla morte dell'artista Georgia O'Keeffe nel 1986. Dopo la sua scomparsa, gran parte del suo lavoro è diventato molto popolare e ha portato alla ribalta i toni malva-influenzati della terra del deserto. Nel bagno e la biancheria vigeva lo Chintz - ovvero motivi floreali multicolori - ed era ovunque: dai letti ai paralumi, dalle tende alle pareti. La popolarità della tendenza è attribuita al famoso decoratore d'interni Mario Buatta , il cui uso del tessuto gli è valso il soprannome di "Il Principe di Chintz". 

Piante ovunque

Che avessi o meno il pollice verde, negli anni Ottanta, dovevi avere un giardino: felci, ficus e piante ragno sospese, erano onnipresenti, dai salotti, alla cucina e persino nei bagni.

Ancora nostalgia degli anni Ottanta? Pensa positivo, oggi, puoi riproporla a pieno diritto, rispolverando con fierezza, se ne sei ancora in possesso, pezzi di vero vintage di edonismo reaganiano.
 

Mobili laccati

Tessuto in Chintz

La Centrale Interni

Bottega dell'Usato

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come pulire la lavatrice: consigli per farla tornare come nuova

  • Fondi di caffè: non gettarli, ti sorprenderanno!

  • Traslocare: suggerimenti per trasferirsi in una nuova casa

  • Come proteggere la piscina durante l'inverno

Torna su
TrevisoToday è in caricamento