Dente di leone, più di una semplice erba

Il dente di leone è di gran lunga il fiore di campo più famoso nei nostri climi temperati, dal grande valore terapeutico e di una bellezza cromatica che mette subito di buon umore. Addentriamoci nei suoi innumerevoli benefici per la nostra salute

Chi non ha ancora visto lo spettacolo fatato di pascoli o giardini cosparsi di migliaia di denti di leone in fiore? Quale mamma e papà, non ha ancora ricevuto in dono da un bambino, un mazzetto di denti di leone scelti con cura, per la festa della mamma o alla festa del papà? Il tarassaco ( Taraxacum officinale ) o dente di leone, è una pianta perenne senza gambo, molto comune nelle praterie e nei pascoli. Originario dell'Europa, il dente di leone è ampiamente distribuito nelle zone temperate più calde dell'emisfero settentrionale ed è rinomato per le sue numerose proprietà salutari e benefici terapeutici.

Benefici per la salute

Il dente di leone crudo, ha alti livelli di vitamina A, vitamine, B6 e B9 e vitamina C, che lo rende una pianta che rinforza il nostro sistema immunitario, aiuta il nostro corpo a combattere batteri e tossine, potrebbe aiutare a ridurre i rischi di malattie cardiovascolari e alcuni tumori, rinforza la nostra pelle, i tessuti e le ossa.

È una fonte di ferro e potassio, agisce sulla regolazione del sistema nervoso e delle funzioni muscolari e aiuta a combattere l’esaurimento. Con un alto contenuto di polifenoli, il dente di leone è un eccellente antiossidante, un alleato nella lotta contro l’invecchiamento del corpo. Ha proprietà antinfiammatorie e diuretiche, il dente di leone aiuta ad eliminare le tossine accumulate a causa di cibo, infezione e ambiente circostante. Aiuta anche a trattare l'ipertensione arteriosa.

Eccellente purgante naturale, questa pianta regola le funzioni del tratto digestivo. Il dente di leone fa miracoli per problemi di digestione e costipazione difficili. Aiuta anche a combattere l'eccesso di colesterolo. Il dente di leone stimola la cistifellea e agisce sul fegato. Si raccomanda nel trattamento di insufficienza epatica, attacco epatico doloroso e ittero. Un agente corroborante che "purifica" il fegato e il sangue, il succo di tarassaco è talvolta consigliato crudo per rafforzare il corpo, bevendo diverse tazze al giorno per una settimana. È stata attribuita attività contro reumatismi e artrite. Il dente di leone è anche raccomandato nei trattamenti contro la dermatite, la psoriasi e altri disturbi cutanei. Il decotto di radice di tarassaco, pulisce le impurità dalla pelle e aiuta il viso a recuperare il suo splendore.

Cucinare il dente di leone

In primis il contenuto nutrizionale, vede l’apporto medio di circa 50 kcal per 100g. Sentiti libero di provare ad abbinare il dente di leone come preferisci, con le foglie giovani ad esempio, puoi preparare deliziose insalate.

Come coltivarlo

Anche se è considerata un'erbaccia, in realtà può essere coltivata e consumata in insalata, sia a foglia che a fiore. Il dente di leone, cresce facilmente ovunque, ma in particolare ama il sole diretto e il terreno ricco e fresco. Si comporta bene su terreno argilloso denso, pesante e compatto. Se non prevedi di consumare il dente di leone molto spesso, raccogli semplicemente quelli che crescono naturalmente nel tuo giardino o nei campi, controllando innanzitutto che non siano trattati con pesticidi. Il dente di leone, può essere seminato all'inizio della primavera, idealmente dopo che è scomparso qualsiasi rischio di congelamento.

Prendersene cura

Il dente di leone, richiede pochissima cura, è molto più famoso per la sua robustezza e vigore che per essere debole e fragile. Il dente di leone, tollera il terreno piuttosto povero, non è necessario aggiungere fertilizzante. Basta dar da bere, in caso di forti ondate di calore e / o forte siccità.

Raccolta del dente di leone

Per il dente di leone, si possono raccogliere foglie, fiori e persino la radice. Niente nel dente di leone va sprecato!

Raccolta foglie e fiori di tarassaco

Le foglie di tarassaco (molto interessanti in insalate, zuppe e infusi), vengono raccolte in primavera, mentre sono ancora giovani, per uso crudo o in insalate miste. Quando cucini le foglie, puoi raccogliere in qualsiasi momento durante l'anno. I fiori di tarassaco, vengono raccolti in primavera quando l'infiorescenza è ben formata (ottimo per decorare sia insalate miste che dessert e cucinarlo per preparare una deliziosa gelatina di tarassaco).

Scopriamo vivai forniti nella Marca:

Semi di tarassaco

Estratto

Floricoltura Fratelli Barbazza S.R.L.- Str. Terraglio, 81, 31100 Treviso TV

Erboristeria Il Raggio Verde - Via Cornarotta, 3a, 31100 Treviso TV“

Erboristeria Vitasana di Dalla Cia Vallì - Piazza Filodrammatici, 31100 Treviso TV

Ortofloricoltura e Giardinaggio ZANATTA ALBERTO - Str. Gelsomini, 1/G, 31100 Treviso TV

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dente di leone, più di una semplice erba

  • Qual è il miglior pavimento per un bagno?

  • Orchidee: una guida alla coltivazione domestica

  • Rinfresca lo stile della tua casa in poche mosse

  • Il sottotetto: come renderlo uno spazio che tutti vorranno abitare

  • Muffe in bagno: come rimuoverle e prevenirle

Torna su
TrevisoToday è in caricamento