Profughi in via Dandolo, Cabino: “Accoglienza con regole e come opportunità di crescita"

L'assessore comunale: "Serve lavorare su percorsi di inserimento lavorativo, sull’acquisizione di competenze legate alla lingua, sulla creazione di percorsi di comunità". Residenti sulle barricate e sabato sit in della Lega Nord

TREVISO “Per gestire al meglio questo fenomeno le parole d’ordine devono essere accoglienza con regole, progetti di integrazione e rispetto reciproco: ovvero delle comunità che accolgono e di coloro che sono accolti”. Commenta così l’assessore Anna Caterina Cabino la notizia della proposta, accolta dal bando prefettizio, di dare vita a una struttura di seconda accoglienza presso l’ex sede dei ferrovieri di via Dandolo.

“Quando si parla di seconda accoglienza si intende la possibilità per le persone accolte di iniziare un processo di integrazione che non mette ai margini ma appunto include, evitando così il pericolo o la minaccia che chi arriva, in assenza di una reale alternativa, scelga percorsi e strade che sono contrarie alle regole comuni. Per fare questo serve lavorare su percorsi di inserimento lavorativo, sull’acquisizione di competenze legate alla lingua, sulla creazione di percorsi di comunità. Mi pare che la proposta dell’associazione Hilal vada in questa direzione”. Il nuovo progetto sarà inoltre anche un’opportunità di lavoro per dei cittadini trevigiani, oggi disoccupati. La cooperativa ha già dato infatti il via libera ad assumere due persone, segnalate dai servizi sociali del Comune, che lavoreranno come operatori.

Ospitalità con regole, in piccoli gruppi, diffusa: “Il fenomeno migratorio non si ferma con uno schiocco di dita. Esiste e va gestito. Per farlo continuiamo a sostenere la politica dell’accoglienza sul territorio, in piccoli gruppi in antitesi a quella fatta di grandi assembramenti – sottolinea l’assessore – e questo progetto sembra avere questi connotati. Proporremmo al Presidente Kerzaji di avviare un’esperienza di comunità: una serie di incontri con la cittadinanza per far conoscere al quartiere le attività e la vita che si svolge all’interno della struttura. E' indubbio che Treviso stia facendo la propria parte per dare risposta a questo fenomeno, ma il messaggio che deve passare è che il capoluogo, che in molti casi ha dato l’esempio, non accetta arrivi in forma indiscriminata. Anzi: questo progetto è l’esempio di come qui a Treviso il sindaco e la giunta chiedano che l’accoglienza si faccia regole alla mano, secondo forme e modalità che siano rispettose sia di chi è accolto sia della comunità che accoglie”. 

E' previsto intanto per sabato prossimo un sit-in della Lega Nord trevigiana con il consigliere comunale Giancarlo Da Tos ed il segretario cittadino Massimo Candura che esporranno le loro ragioni in merito al caso. L'arrivo dei migranti preoccupa non poco anche i residenti del quartiere che sono sulle barricate contro questa decisione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa da tre giorni: Giorgia ritrovata a Napoli nella notte

  • Da oltre 24 ore non si hanno più notizie di Giorgia: mobilitati i social per ritrovarla

  • Tumore incurabile, il sorriso di Roberta si spegne a soli 54 anni

  • Abusi sessuali in seminario: «Io, violentato da due preti che ancora esercitano in Veneto»

  • Epatite fulminante, il sorriso di Ennio Vendramini si spegne a 53 anni

  • Tragico schianto fuori strada, muore automobilista

Torna su
TrevisoToday è in caricamento