Rifiuti abbandonati: 6 mila euro di multa per la discoteca Casa di Caccia

Renzo Venerandi, titolare della nota discoteca di Monastier, è stato accusato dal Tribunale di Treviso per aver abbandonato nel parcheggio del suo locale sacchi di spazzatura

MONASTIER Abbandono di rifiuti, questa l'accusa attribuita da parte del Tribunale di Treviso al titolare della discoteca Casa di Caccia, Renzo Venerandi che, secondo la sentenza, dovrà pagare una somma di seimila euro per un cumulo di immondizia lasciato nel parcheggio del noto locale di Monastier. Secondo quanto riportato dai maggiori quotidiani locali, Venerandi, presenterà ricorso in appello in quanto da sempre egli si dichiara come estraneo dell'accaduto.

Il fatto risale alla fine del 2013, dove il titolare della discoteca, in seguito ad una segnalazione che aveva fatto giungere sul posto i funzionari dell'Arpav e i vigili del fuoco, aveva ricevuto una denuncia penale per abbandono di rifiuti. Avendo lui stesso in dotazione dei bidoni per la raccolta rifiuti, Venerandi sostiene che non avrebbe avuto alcun motivo per lasciare quell'immondizia proprio nel parcheggio della sua discoteca e che tale oggetto di abbandono apparterrebbe a terzi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata in casa senza vita: albergatrice trevigiana muore a 63 anni

  • Schianto contro un camion, dichiarata la morte cerebrale del 17enne

  • Allarme rosso per il livello del Piave: ordinati gli sgomberi delle golene

  • Maltempo, sui social insulti contro i veneti alluvionati: «Ben vi sta»

  • La ghiacciaia: il bistrot realizzato in un bunker della Grande Guerra

  • Esplode una granata nel garage di casa, 19enne trasportato in ospedale

Torna su
TrevisoToday è in caricamento