Abusi sessuali sul nipotino della compagna: 71enne finisce in galera

La sentenza del gup Piera De Stefani ha condannato un 71enne residente a Paese accusato di violenza sessuale su minori. Condannato a 5 anni di reclusione, l'accusa ne aveva chiesti 6

Tre anni di reclusione, l'interdizione dai pubblici uffici per 5 anni e una provvisionale immediatamente esecutiva di 10mila euro in favore della vittima. Questa la sentenza emessa oggi, martedì 17 settembre, con rito abbreviato dal gup Piera De Stefani a carico di G.F, un 71enne residente a Paese condannato per violenza sessuale su minori.

Vittima dell'orco il nipotino della compagna dell'uomo, un bambino che al tempo dei fatti aveva solo 10 anni e che sarebbe stato costretto a toccare l'uomo nelle parti intime e a farsi a sua volta toccare. La sconvolgente verità è uscita nel maggio del 2016 poco dopo i fatti, quando il piccolo si è confidato con il fratello maggiore. "Mi ha detto di toccarlo e mi ha toccato anche lui" la terribile confessione su quello che succedeva durante le visite che il bambino faceva a casa della nonna.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 71enne, che al tempo svolgeva anche attività di volontariato come "nonno vigile" per il Comune di Paese, ha sempre negato ogni addebito e la sua difesa, affidata all'avvocato Stefano Pietrobon del Foro di Treviso, ha puntato sul fatto che il piccolo non fosse del tutto attendibile rispetto al racconto che faceva delle attenzioni morbose dell'anziano. Di tutt'altro parere invece il sostituto procuratore Gabriella Cama, che oggi, al termine della sua requisitoria, aveva chiesto una condanna a sei anni di reclusione. Per il pubblico ministero, dopo la deposizione in incidente probatorio, la versione dei fatti della vittima era infatti credibile. Giudizio evidentemente condiviso dal gup.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

  • Grave lutto per tutto il rugby veneto: a soli 55 anni si è spento Aldo Aceto

Torna su
TrevisoToday è in caricamento