Abuso sessuale e ricatto ad un disabile: 17enne finisce nei guai

Il ragazzino avrebbe minacciato un 40enne di Ormelle fino a costringerlo ad un rapporto orale in campagna. Il ragazzino era però recidivo

ORMELLE - Prima lo ha minacciato e ingiuriato pesantemente, poi con una scusa si è fatto accompagnare in aperta campagna dove ha costretto la sua vittima ad un rapporto orale con conseguente estorsione di denaro al fine di non rivelare nulla di quanto accaduto ai residenti del paese.

La vicenda, come riporta "la Tribuna", è avvenuta nella giornata di venerdì nei pressi di Ormelle, dove risiede la vittima 40enne dell'abuso sessuale in questione. Un uomo disabile già protagonista suo malgrado di una vicenda simile lo scorso anno quando lo stesso ragazzino 17enne lo aveva raggirato tanto da essere denunciato alla Procura dei minori, che lo aveva poi processato e condannato. Questa volta però il giovane si è spinto oltre, tanto da richiedere un rapporto sessuale e 100 euro per il suo silenzio.

L'uomo, evidentemente per paura che la notizia potesse diffondersi nella zona, ha subito accettato la richiesta di denaro dell'estorsore, tanto da tornare immediatamente a casa e chiedere ai familiari i 100 euro necessari, senza però specificarne il motivo. A quel punto la famiglia, pur sospettando che qualcosa non andasse, ha ceduto i soldi al 40enne che li ha poi consegnati al ragazzino. Una volta tornato a casa però l'uomo non ce l'ha più fatta a tenersi dentro un segreto come quello e ha confessato tutto ai famigliari che hanno subito contattato i carabinieri di Conegliano che in breve tempo si sono messi sulle tracce del 17enne.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo alcune ricerche, i militari sono poi riusciti a rintracciarlo nei pressi del Parco Verde di Ormelle mentre passeggiava tra le famiglie in quel momento presenti. Per lui è scattato immediatamente il blocco e la denuncia alla Procura minorile che, vista la sua recidiva, potrebbe condannarlo ora ad una pena molto pesante.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Coronavirus, nuovo aumento di casi in Veneto, Zaia: «Sono preoccupato»

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento