Ancora accattonaggio al Campo Sacro di Silea: l'ira della Lega Nord contro i migranti

"Nemmeno dove amici e parenti vanno a pregare per i loro defunti si può stare in tranquilli" ha dichiarato il consigliere comunale Andrea Cogo della Lega Nord di Silea

SILEA "Avvistato un clandestino, ma a volte sono anche in due, mentre chiede soldi alla gente". Così Marco Tonietti, giovane militante della Lega Nord di Silea, ha avvisato la Polizia Locale per fermare e identificare un immigrato (a cui da pochi giorni era scaduto il visto) di fronte al campo sacro cittadino.

"Si ripetono le scene di accattonaggio pressante, per fino al cimitero di Silea. Nemmeno dove amici e parenti vanno a pregare per i loro defunti si può stare in tranquilli - ha dichiarato il consigliere comunale Andrea Cogo della Lega Nord di Silea - Io dico che atti simili sono da denunciare sempre, ogni qual volta si vedono questi individui è bene chiamare le forze dell'ordine, che sia al cimitero piuttosto che al supermercato. I racket che si nascondono dietro a queste organizzazioni di 'elemosinaggio' e sono ormai superiori al mercato della droga e a quello del sesso. Dobbiamo aumentare il numero dei vigili a Silea e magari a contratto indeterminato, senza se e senza ma: per loro e per la sicurezza generale del Comune".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saluta il figlio, poi il tragico malore in casa: muore a 46 anni

  • Accende la stufa a pellet con l'alcool, 31enne gravemente ustionata

  • Malore improvviso in casa porta via alla vita Irene, 46enne madre di famiglia

  • Blitz antidroga della polizia locale sui bus degli studenti del "Turazza"

  • Cadavere affiora dal Monticano, è il corpo di Marco Dal Ben

  • Movida trevigiana sotto controllo: stangato un locale etnico con all'interno 25 pregiudicati

Torna su
TrevisoToday è in caricamento