Accoglienza migranti a Ponzano: "ci sia equa ripartizione sul territorio"

Katja Turk, Assessore Servizi Sociali e Prima Infanzia del Comune di Ponzano Veneto: "Le strutture già presenti nel Comune non hanno presentato finora problemi né di ordine pubblico né con la popolazione, nonostante le comprensibili preoccupazioni dei cittadini"

PONZANO Ieri, giovedì 6 luglio 2017, si è svolto un incontro con i Capigruppo del Comune di Ponzano Veneto, a cui erano presenti, oltre all'intera Giunta, i consiglieri Franco Dal Col e Ambra Biondo. Nella riunione è stata illustrata la situazione attuale dei richiedenti asilo presenti sul territorio. "Le strutture già presenti nel Comune, quelle di Paderno (canonica), di Ponzano (SPRAR) e Merlengo (via Gorizia), non hanno presentato finora problemi né di ordine pubblico né con la popolazione, nonostante le comprensibili preoccupazioni dei cittadini. - afferma Katja Turk, Assessore Servizi Sociali e Prima Infanzia del Comune di Ponzano Veneto - Le strutture in oggetto sono costantemente monitorate e i rapporti con le cooperative e gli enti gestori sono corretti e positivi".

"In quest'ultima vicenda riguardante la struttura di via Antiga sud - continua l'assessore - sono emerse difficoltà nei rapporti tra i soggetti coinvolti (Comune, cooperativa che accoglie, Prefettura, Ulss e proprietario) per la poca trasparenza nell'informazione e la scarsa collaborazione. L’Amministrazione ha ribadito con fermezza la necessità che venga rispettata la clausola di salvaguardia, così come stabilito dall'accordo tra Anci e Ministero dell'Interno dell’ottobre 2016. La clausola di salvaguardia prevede che i Comuni della rete SPRAR che attivano strutture di accoglienza con i numeri previsti dal Piano di ripartizione saranno tenuti esenti da qualsiasi altra forma di accoglienza non concertata con il sindaco. Inoltre si chiede che vengano rispettate le norme igienico sanitarie e tutte le altre norme in materia di ordine pubblico".

"In particolare si sollecita - conclude Katja Turk - la equa ripartizione sul territorio dei migranti e la diffusione del progetto SPRAR in tutti i Comuni della provincia di Treviso. Soltanto 41 Comuni su 95 stanno accogliendo migranti in questo momento. Se ognuno facesse la sua parte il problema sarebbe meno pressante".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saluta il figlio, poi il tragico malore in casa: muore a 46 anni

  • Accende la stufa a pellet con l'alcool, 31enne gravemente ustionata

  • Male incurabile: addio a Sonia Scattolin, segretaria della Regione

  • Malore improvviso in casa porta via alla vita Irene, 46enne madre di famiglia

  • Esce per un controllo delle lepri: muore stroncato da un infarto

  • Blitz antidroga della polizia locale sui bus degli studenti del "Turazza"

Torna su
TrevisoToday è in caricamento