Aggressione al sindaco: 3 persone fermate e denunciate

Si tratta di tre parenti appartenenti alla stessa famiglia di origine nomade. I carabinieri li ritengono responsabili dell'aggressione ai danni del sindaco di Caerano San Marco

I carabinieri della stazione di Montebelluna hanno fermato, nel pomeriggio di lunedì 12 agosto, i presunti responsabili dell'aggressione ai danni del sindaco di Caerano San Marco, Gianni Precoma.

Si tratta di tre nomadi tutti appartenenti alla stessa famiglia. G.K, B.K e E.K sono stati denunciati per lesioni personali aggravate, danneggiamento e minaccia ai danni del sindaco di Caerano. Solo poche ore prima del fermo in Prefettura a Treviso un vertice d'urgenza aveva fatto il punto sulle indagini in corso offrendo al sindaco aggredito uno speciale servizio di protezione e sicurezza per evitare nuove aggressioni. Con il fermo dei 3 presunti responsabili la situazione sembra però destinata a cambiare radicalmente. Una grande operazione delle forze dell'ordine locali che, in poche ore, sono riusciti a dare un'importante svolta a un caso che continua ancora a far discutere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saluta il figlio, poi il tragico malore in casa: muore a 46 anni

  • Accende la stufa a pellet con l'alcool, 31enne gravemente ustionata

  • Male incurabile: addio a Sonia Scattolin, segretaria della Regione

  • Malore improvviso in casa porta via alla vita Irene, 46enne madre di famiglia

  • Blitz antidroga della polizia locale sui bus degli studenti del "Turazza"

  • Movida trevigiana sotto controllo: stangato un locale etnico con all'interno 25 pregiudicati

Torna su
TrevisoToday è in caricamento