Aggressione stazione, Gentilini: "Solo una pacca sul sedere"

Giancarlo Gentilini minimizza su quanto accaduto nei pressi della stazione, lunedì sera, sostenendo che si è trattato solo di una "toccata sul culo". Treviso, ha dichiarato lo Sceriffo, è una città sicura

Giancarlo Gentilini non ammette che si dica che la sua Treviso è insicura e minimizza sull'aggressione subita da una trentottenne, lunedì sera, nei pressi della stazione ferroviaria.

"Tutto questo rumore solo per una classica toccata sul culo - ha commentato scocciato lo "Sceriffo" - Non accetto che si dica che Treviso è insicura".

La donna, al rientro a casa, era stata sorpresa alle spalle da un maniaco che l'aveva palpeggiata e che si era dato alla fuga quando lei aveva cominciato a urlare invocando aiuto.

Mentre le Forze dell'ordine hanno già un identikit del molestatore e sono sulle sue tracce, Gentilini afferma di non tollerare che si faccia del "terrorismo" su un episodio del genere. "So da fonte sicura che si è trattato solo di una toccata sul culo", ha dichiarato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saluta il figlio, poi il tragico malore in casa: muore a 46 anni

  • Accende la stufa a pellet con l'alcool, 31enne gravemente ustionata

  • Male incurabile: addio a Sonia Scattolin, segretaria della Regione

  • Malore improvviso in casa porta via alla vita Irene, 46enne madre di famiglia

  • Blitz antidroga della polizia locale sui bus degli studenti del "Turazza"

  • Movida trevigiana sotto controllo: stangato un locale etnico con all'interno 25 pregiudicati

Torna su
TrevisoToday è in caricamento