A CastelBrando l’albero di Natale più alto d’Italia è monumento nazionale

Il cedro dell'Atlante a Cison di Valmarino è alto ben 33 metri ed è tutto illuminato. E' inoltre registrato come uno dei 10 alberi più alti in Europa

L'albero addobbato a Castelbrando

CISON DI VALMARINO CastelBrando, a Cison di Valmarino, ha acceso uno degli alberi di Natale viventi più alti d’Italia. Con i suoi 33 metri si classifica anche tra i primi 10 più alti d’Europa, è catalogato come albero monumentale ed è protetto come bene storico nazionale.

É un cedro dell’Atlante (Cedrus atlantica), proveniente dall’omonima catena montuosa del Nord Africa, con un’età stimata di oltre 200 anni. L’albero di Natale, decorato con più di 600 lampadine ha sulla cima una grande stella che illumina la vallata sottostante. L’enorme cedro ultracentenario, di quasi 3 metri di circonferenza è cresciuto fra gli spalti protetto dalle mura di CastelBrando. In questa suggestiva atmosfera, fino al 13 dicembre, saranno visitabili i caratteristici mercatini di Natale.

Numerosi gli artigiani presenti con i loro esclusivi manufatti esposti all’interno del Teatro Tenda riscaldato. A CastelBrando infatti le casette natalizie sono protette dagli agenti atmosferici, diversamente da quanto avviene negli altri mercatini di Natale. Molti sono anche gli eventi in programma durante i mercatini: concerti, trucca-bimbi, visite notturne del castello e molto altro ancora. A CastelBrando si respira il vero spirito natalizio, tra musica, cene a tema e intrattenimenti per ogni età.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si risveglia dal coma e urla il nome della fidanzata morta

  • Pressione sanguigna: come monitorarla a casa

  • Una folla per l'addio a Giulia, due famiglie unite nel dolore

  • Tragedia al ritorno dalla discoteca, Alberto Antonello positivo alla cannabis

  • Donna viene investita da un'auto e muore: è caccia al pirata della strada

  • Troppo grande la sofferenza per la malattia: ex assessore comunale si toglie la vita

Torna su
TrevisoToday è in caricamento