Amianto agli EcoCentri, Contarina intensifica i controlli sui rifiuti conferiti

Le verifiche vengono svolte dagli addetti alla guardiania sia all’ingresso delle strutture sia all’interno. Agli EcoCentri, infatti, possono accedere solo famiglie e aziende con un regolare contratto

TREVISO A seguito del ritrovamento di amianto tra i rifiuti inerti, Contarina ha intensificato i controlli in tutti gli EcoCentri presenti del territorio servito per garantire la qualità e la correttezza del materiale raccolto. Le verifiche vengono svolte dagli addetti alla guardiania sia all’ingresso delle strutture sia all’interno. Agli EcoCentri, infatti, possono accedere solo famiglie e aziende con un regolare contratto per la gestione dei rifiuti. Inoltre, imprese e attività commerciali per conferire i rifiuti in queste strutture devono essere in possesso di un’apposita autorizzazione, dove è specificato che tipo di rifiuti possono portare e le relative quantità. 

Per questo motivo, gli operatori richiedono un documento di riconoscimento e, per le aziende, anche la specifica autorizzazione di accesso all’EcoCentro. In alcuni casi, ciò può comportare il formarsi di code. Per evitare lunghe attese, Contarina – soprattutto nella giornata del sabato, giorno di maggior affluenza - ha potenziato il numero degli addetti presenti negli EcoCentri per velocizzare le operazioni di verifica; inoltre sta già sperimentando nuove modalità informatizzate e automatiche di regolazione degli ingressi, per esempio attraverso la lettura della tessera sanitaria, che consentono un deflusso per rapido. E’ importante ricordare che i cittadini possono recarsi in tutte le strutture presenti nel territorio, non solo in quelle situate nel proprio Comune. 

All’interno degli EcoCentri vengono svolti attenti controlli sui rifiuti conferiti, che devono essere differenziati e gettati nel giusto contenitore. Particolare attenzione viene prestata agli inerti, per i quali bisogna sottoscrivere un’autodichiarazione sulla loro provenienza. Per evitare che assieme agli inerti venga gettato anche l'amianto, Contarina sta studiando nuove modalità di raccolta per garantire la qualità del materiale raccolto, che deve essere smaltito secondo le norme in vigore. Gli EcoCentri, infatti, devono rispettare precise normative nazionali e regionali in materia di rifiuti e sicurezza. Per esempio, qui non si può portare: lana di vetro/roccia, guaina catramata, parti di auto, amianto e liquindi infiammabili/esplosivi come benzina o gasolio. Questi particolari rifiuti non possono essere portati agli EcoCentri, per il loro smaltimento Contarina offre un servizio specifico su richiesta che tiene conto di quantità e tipologia del rifiuto. E’ importante ricordare che per sorvegliare e supportare l’accesso agli EcoCentri vengono impiegati soggetti provenienti dal mondo della cooperazione sociale, offrendo così un’opportunità lavorativa a persone svantaggiate o in condizione di disagio.

Potrebbe interessarti

  • Pioggia, vento e grandine: la Marca ancora nella morsa del maltempo

  • Lutto tra le colline del prosecco, addio a Fabio Ceschin

  • Male incurabile, giovane mamma perde la vita a soli 44 anni

  • Sorgenti del Piave, la commissione di esperti conferma: «Sono in Veneto»

I più letti della settimana

  • Tragico frontale a Borgoricco, morto un prete di 82 anni

  • Centauro 21enne si schianta contro un'auto: è grave all'ospedale

  • Si schianta con la moto contro un'auto, muore un 40enne

  • Segrega in casa e picchia la moglie e la figlia di 14 anni: arrestato 50enne padre-padrone

  • Tamponamento a catena in A4: un morto, traffico in autostrada nel caos

  • Auto fuori strada in Feltrina: due persone incastrate tra le lamiere, ferita una bimba

Torna su
TrevisoToday è in caricamento