Appalti truccati per un miliardo di euro, inchiesta in tutta Italia

Sono circa 150 le gare per la realizzazione o la manutenzione di opere pubbliche che sarebbero state alterate. Coinvolte le province di Treviso, Venezia, Vicenza e Verona

Foto tratta da "UdineToday"

Associazione a delinquere, turbativa d’asta, inadempimento e frodi nella pubbliche forniture, subappalti in violazione di legge e concussione. Un sistema di spartizione a tavolino di un elevatissimo numero di appalti — quasi 150 —  in violazione di tutte le regole sulla concorrenza. Sono questi gli estremi dell’operazione “Grande Tagliamento”, messa in opera dalla Compagnia della Guardia di Finanza di Gorizia, con il supporto del Comando regionale delle Fiamme Gialle, diretta dalla sostituto procuratore della Procura isontina Valentina Bossi, con la supervisione del procuratore capo Massimo Lia

Documenti

Sono 400 i finanzieri del Comando regionale del Friuli Venezia Giulia impegnati a Nord Est e in tutta Italia in acquisizioni documentali, perquisizioni e sequestri in enti pubblici e società per indagini su appalti di opere pubbliche per un valore di oltre un miliardo di euro.

I materiali

L'inchiesta ipotizza turbative d'asta tra le imprese coinvolte per effetto di pratiche collusive, ma anche frodi nella realizzazione di ponti, viadotti, cavalcavia, sottopassi, gallerie, piste aeroportuali costruite utilizzando materiali difformi da quelli dichiarati. Nella realizzazione delle opera appalatate sarebbe stato impiegato materiale non certificato. I quantitativi di materiale descritto dal capitolato sarebbero stati inferiori a quanto prescritto e fatturato, con conseguenti violazioni anche di natura ambientale.

Le gare

Sono circa 150 le gare d'appalto per la realizzazione o la manutenzione di opere pubbliche che sarebbero state alterate e sulle quali sono in corso le verifiche della Guardia di Finanza e della procura di Gorizia. Tra queste, secondo quanto si apprende, anche alcune riguardanti opere e strade da realizzare nelle zone dell'Italia centrale colpite dal terremoto del 2016 tra cui la Tre Valli Umbre. Le verifiche degli uomini delle Fiamme Gialle si concentrano sulle gare indette in tre anni, dal 2015 al 2018.

Le voci

«Abbiamo attivato il monitoraggio partendo da Gorizia, dal cantiere per il rifacimento del Corso, osservando il comportamento di alcuni soggetti che successivamente ci hanno “portato in giro”. Prima li abbiamo controllati nelle attività in  altre zone della regione e poi nel resto d’Italia. Si tratta di una vera e propria opera di spartizione degli appalti» ha commentato il procuratore capo di Gorizia, Massimo Lia. Il fenomeno, con le indagini che vanno avanti da 18 mesi, ha assunto dimensioni consistenti, come ha confermato anche il comandante regionale della Guardia di Finanza, Giuseppe Bottillo, con il coinvolgimento di nomi “illustri”.«All’inizio non ci attendevamo una cosa del genere — ha precisato l’alto graduato — , ma è un’attività estesa e ramificata, che coinvolge centinaia di imprese. Ci sono nomi illustri coinvolti, dal Commissariato per l’emergenza viabilità in A4, all’Anas, passando per Autovie Venete e Autostrade per l’Italia».

QUI L'ELENCO DEGLI ENTI INTERESSATI DALL'INCHIESTA

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovata in casa senza vita: albergatrice trevigiana muore a 63 anni

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Allarme rosso per il livello del Piave: ordinati gli sgomberi delle golene

  • Maltempo, sui social insulti contro i veneti alluvionati: «Ben vi sta»

  • Esplode una granata nel garage di casa, 19enne trasportato in ospedale

  • Chiama la polizia per far multare le auto in sosta, ma alla fine a essere sanzionato è lui

Torna su
TrevisoToday è in caricamento