Tentò di dare fuoco alla figlia "troppo occidentale": padre scarcerato

L'uomo, un marocchino di 50 anni, potrà continuare a lavorare: sarà ospitato dal fratello. Così ha spiegato lo scatto di rabbia: «Mi sono alterato con mia figlia dopo aver trovato nel suo telefono foto e video di lei nuda che ho capito venivano mandate ad amici e conoscenti»

Il tribunale di Treviso

E' stato scarcerato e si trova ora agli arresti domiciliari il marocchino 50enne di Arcade accusato di aver tentato di dare fuoco alla figlia, colpevole secondo lui di essere troppo occidentale, cospargendola con una tanica di carburante prima di tentare di appiccare le fiamme con un accendino. Il gip di Treviso Bruno Casciarri ha accolto l'istanza presentata dai difensori, gli avvocati Lot e Bonazzi del Foro di Treviso, che avevano chiesto l'attenuazione della misura restrittiva. L'uomo potrà anche recarsi al lavoro dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 12 e dalle 13 alle 18, questo al fine di proseguire con l'attività e non perdere l'occupazione, che risulta essere peraltro l'unica fonte di sostentamento della famiglia.

«l trasferimento dei familiari -scrive il gip- in una località protetta ha attenuato le esigenze cautelari e reso adeguata e proporzionata la misura degli arresti domiciliari presso l'abitazione del fratello». Ma nei confronti del 50enne il giudice ha disposto anche il divieto di avvicinamento alla figlia e alla moglie e comunque l'allontanamento dalla casa familiare, oltre al divieto di avere qualsiasi contatto di persona, telefonico o attraverso gli strumenti della posta elettronica o dei social network con la ragazza e il coniuge.

Il marocchino è indagato per maltrattamenti familiari. «Non vuole che io vesta alla occidentale e che frequenti amici maschi»: è stata l'accusa che gli ha rivolto la figlia 17enne, secondo cui il padre vorrebbe costringerla a vivere secondo i più rigidi precetti della fede islamica. Accuse che sarebbero state confermate anche dalla moglie. «Non sono un fanatico religioso»: si è invece difeso lui, aggiungendo: «Ho il terrore che mia figlia stia diventando una poco di buono, voglio che non si butti via a causa di cattive frequentazioni e vorrei tanto che andasse bene a scuola invece di prendere i brutti voti che porta a casa. Non c'entra nulla con la religione».

Il 50enne, che la figlia dipinge come un islamico fanatico, è già finito tre volte a processo per guida in stato d'ebrezza e ammette lui stesso di avere problemi con il bere. «Non ho mai preso in mano la tanica di benzina di cui parla la ragazza -spiega in maniera risoluta raccontando i fatti di cui lo accusa la 17enne- però mi sono alterato con mia figlia dopo aver trovato nel suo telefono delle immagini che mi hanno scioccato: foto e video di lei nuda che ho capito venivano mandate ad amici e conoscenti. Qualcuno mi ha anche riferito che mia figlia ha una vita sessuale promiscua e che consuma droghe. Quando l'ho saputo mi sono sentito morire. Sono stato male per la preoccupazione e ho reagito arrabbiandomi con lei, come penso avrebbe fatto qualsiasi altro padre. Ma non ho mai tentato di farle del male».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saluta il figlio, poi il tragico malore in casa: muore a 46 anni

  • Accende la stufa a pellet con l'alcool, 31enne gravemente ustionata

  • Male incurabile: addio a Sonia Scattolin, segretaria della Regione

  • Malore improvviso in casa porta via alla vita Irene, 46enne madre di famiglia

  • Blitz antidroga della polizia locale sui bus degli studenti del "Turazza"

  • Movida trevigiana sotto controllo: stangato un locale etnico con all'interno 25 pregiudicati

Torna su
TrevisoToday è in caricamento