Soldi e cocaina in casa: spacciatore finisce in carcere

Blitz della polizia locale di Treviso nell'appartamento di un 25enne nigeriano a Preganziol. L'operazione è andata a buon fine grazie anche alle segnalazioni dei residenti

L’operazione della Polizia locale “San Zeno e Sant’Antonino” ha portato lunedì mattina all’arresto di uno spacciatore e al sequestro di cocaina e denaro, particolarmente attivo nei due quartieri di Treviso.

Dieci agenti sono stati impegnati sin dalle prime ore del mattino unitamente all’Unità cinofila Hitch: alle 6.30 circa, gli agenti in borghese hanno proceduto alla perquisizione di un appartamento situato in una palazzina al confine con il territorio comunale di Preganziol dove era stata segnalata la presenza dello spacciatore, O.K., nigeriano di 25 anni, senza fissa dimora. «L’extracomunitario non ha opposto resistenza - spiega il comandante della Polizia locale Andrea Gallo - Al momento del blitz si trovava a letto, ma nel caso specifico è stata fondamentale la repentinità dell’azione degli agenti che sono entrati in camera in pochi secondi». Al termine della perquisizione sono stati rinvenuti dall’Unità cinofila quasi trenta grammi di cocaina suddivisa in 17 confezioni pronte per lo spaccio e circa 350 euro, oltre a materiale utilizzato per il taglio della droga. Considerata la quantità di stupefacente e le modalità di confezionamento, per O.K. si sono aperte le porte della cella del Comando di via Castello d’Amore. Durante le operazioni che hanno portato all’arresto del cittadino nigeriano, è stata effettuata una seconda perquisizione in un appartamento in zona Terraglio che ha portato al sequestro di oltre mezzo etto di cocaina e più di 1500 euro in contanti.

«Le indagini sono state condotte in questi mesi grazie anche alle segnalazioni dei cittadini - continua Gallo - Lo sforzo per contrastare il fenomeno dello spaccio di stupefacenti è quotidiano e riguarda sia le cosiddette zone calde del centro città sia i quartieri e questa operazione, non a caso denominata “San Zeno Sant’Antonino”, si inserisce proprio nel perseguire la sicurezza anche nelle zone più popolose della città». E con l’inizio delle scuole, partirà anche un programma di prevenzione contro lo spaccio di stupefacenti tra i giovani: «Partiremo con nuovi servizi - conclude Gallo - grazie anche all’ausilio dell’unità cinofila antidroga. Saranno monitorate le zone di ingresso delle scuole e degli istituti, i giardini, la stazione degli autobus e dei treni». «Ringrazio il Comandante Gallo e i suoi agenti per questa grandissima operazione che conferma la grande attenzione nei confronti della sicurezza e della lotta allo spaccio in centro storico e nei quartieri - le parole del sindaco Mario Conte - Come ho già ribadito in più occasioni, vogliamo assicurare ai cittadini una città migliore, usando il pugno di ferro contro spacciatori e delinquenti». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Trovata in casa senza vita: albergatrice trevigiana muore a 63 anni

  • Allarme rosso per il livello del Piave: ordinati gli sgomberi delle golene

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Si era dato fuoco di fronte al "Per Bacco", muore dopo cinque giorni di agonia

  • Aneurisma fatale, muore dopo due mesi in ospedale: era appena diventato papà

Torna su
TrevisoToday è in caricamento