Un successo ad Asolo "Onam", la festa degli Indiani del Kerala: centinaia le presenze

Sport, celebrazioni religiose e tanto cibo per ricordare la tradizione di casa, ma niente vino ovviamente! E che servizio d'ordine: tutti a pulire al termine dei festeggiamenti

Alcuni dei partecipanti all'evento

ASOLO Sabato scorso l’area Festeggiamenti di Pagnano ha accolto quasi 300 persone originarie dello stato del Kerala, nel sud dell'India, riunite per festeggiare l'Onam. Questa ricorrenza è sinonimo di sport, feste e celebrazioni rituali. L'Onam si festeggia in memoria dell'età dell'oro del re Maveli, il cui spirito, secondo la leggenda, ancor oggi visita il Kerala proprio nel periodo dell' Onam, che è il tempo di festeggiare e di gioire per la vita.

"La nostra comunità è molto unita e solida", spiegano Thomas e Byju Valuparampil, portavoce della comunità Indiana dell’Asolano e della Pedemontana. "Come ogni anno, anche ad Asolo ci siamo organizzati per festeggiare. Hanno partecipato in tanti della nostra comunità. Per noi l' Onam è una festa importante come il vostro Natale. Cade nella stagione del raccolto, ed è caratterizzato da rituali specifici: si indossano abiti nuovi, si mangiano i piatti della cucina tradizionale; festeggiamo con danze e musica in tutto il paese". Al centro dell’area è stata allestita una bella composizione di fiori con una candela chiamata Attua, una decorazione tipica dello stato del Kerala.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La festa è cominciata con dei giochi sportivi , a cui è seguita la cerimonia di inaugurazione e messaggi di buon augurio, danze tradizionali e l’ Ona Sadhiya, cena rigorosamente vegetariana, tra profumi, colori e suoni dall’India. "Abbiamo dato una mano in tanti a cucinare", raccontano gli organizzatori della festa. "Ognuno di noi era responsabile di un piatto. Ma qui da noi niente vino!". Ineccepibile il servizio d'ordine curato dagli stessi organizzatori dell'appuntamento, tanto che al termine della cerimonia, a terra non c'era né una lattina, né un pezzo di carta. I referenti hanno spiegato che l'iniziativa "ha voluto diffondere anche un messaggio di pace e di integrazione”, “ringraziamo il Comune di Asolo e il Gruppo Festeggiamenti di Pagnano per averci messo a disposizione gli spazzi”. Alla Festa erano presenti due Consigliere Comunali di maggioranza, Buonanno Milly e Miotto Bin Giovanna, che hanno portato i saluti del Sindaco e della Città di Asolo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Nuovi contagi da Coronavirus nella Marca: in tre positivi al test sierologico

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento