Via del Mare, un'interrogazione per chiedere subito la sospensione

Le deputate del Partito Democratico Simonetta Rubinato e Sara Moretto sono le firmatarie di un'interrogazione presentata alla Camera

In foto il casello di Meolo

TREVISO - "Il Governo sospenda la gara per la realizzazione e la gestione della nuova superstrada a pedaggio “Via del Mare”, che dovrebbe collegare l’autostrada A4, all’altezza del casello di Meolo, con le spiagge". La richiesta è contenuta in un’interrogazione al ministro Lupi, depositata venerdì alla Camera dall’onorevole Simonetta Rubinato e firmata anche dalla deputata Sara Moretto, collega veneziana del Pd. L’iniziativa prende spunto dal fatto che a proporre l’opera, in project financing, fu nel 2007 Adria Infrastrutture, la società, gestita da Claudia Minutillo e Piergiorgio Baita, finita lo scorso anno nel mirino della Procura di Venezia, si sottolinea in una nota. "Società che secondo gli inquirenti sarebbe anche partecipata, attraverso dei prestanome, dall’ex presidente della Regione Giancarlo Galan e dall’ex assessore alle Infrastrutture Renato Chisso, entrambi indagati anche per lo scandalo tangenti del Mose" continua la nota.

Rubinato, che già quando era sindaco di Roncade, uno dei comuni attraversati dall’arteria, si era sempre battuta contro questo progetto, spiega così la sua richiesta di sospensione: “Non sono contraria in via pregiudiziale ai progetti di finanza realizzati dai privati, ma mi oppongo a quelli che sono fatti male, che non fanno l’interesse della collettività. Il progetto di rendere a pedaggio la Via del Mare, contro il quale si è espresso tutto il territorio interessato, è però scellerato perché si può ottenere lo stesso risultato, ovvero la scorrevolezza del traffico verso il litorale, anche con la messa in sicurezza del tracciato esistente, peraltro con un notevole risparmio”.

Le firmatarie dell’interrogazione richiamano anche “le ombre che si sono addensate su Adria Infrastrutture per effetto dell’inchiesta condotta dalla Procura di Venezia”. Per questo chiedono al ministro Lupi di valutare la sospensione delle procedure di gara, “almeno – suggeriscono – fino a quando non sarà stata provata non solo l’assoluta legalità dell’iter ma anche il buon andamento dell’amministrazione, ossia la scelta più corretta sul piano economico e finanziario, cosa che le comunità locali chiedono da tempo”.

Potrebbe interessarti

  • Male incurabile, giovane mamma perde la vita a soli 44 anni

  • Lutto tra le colline del prosecco, addio a Fabio Ceschin

  • Sorgenti del Piave, la commissione di esperti conferma: «Sono in Veneto»

  • Palazzetto da intitolare a Sara Anzanello: l'opposizione abbandona l'aula

I più letti della settimana

  • Preso a bastonate e soffocato con un cuscino: arrestate per omicidio

  • Si schianta contro un'auto con la Vespa, muore 45enne

  • Malore fatale nella notte, muore una 45enne

  • Malore fatale mentre fa jogging, stroncato da un infarto a 71 anni

  • Ferma la corriera e abbandona 55 bimbi in autogrill: «Vado a Jesolo»

  • Male incurabile, giovane mamma perde la vita a soli 44 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento