Ostaggi della baby gang sul treno, carabinieri identificano i responsabili

L'attività info-investigativa svolta dai militari dell’Arma, ha permesso di identificare alcune delle persone presenti che hanno poi permesso la successiva individuazione dei probabili protagonisti dell’episodio

CASTELFRANCO In relazione ai fatti accaduti lo scorso 30 settembre a bordo del treno Regionale 5740, che collega Venezia a Bassano del Grappa ha visto i militari della Stazione Carabinieri e gli operatori del Posto di Polizia Ferroviaria di Castelfranco Veneto, collaborando in stretta sinergia investigativa hanno identificato il gruppo di giovani residenti in Veneto che, a bordo del suddetto convoglio ferroviario, avrebbero tenuto i comportamenti evidenziati dai viaggiatori e stanno procedendo alle attività investigative tese ad accertare le eventuali responsabilità dei singoli appartenenti al gruppo.

In particolare, la sollecita attività info-investigativa svolta dai militari dell’Arma, ha permesso di identificare alcune delle persone che, avendo assistito ai fatti, hanno poi permesso la successiva individuazione dei probabili protagonisti dell’episodio. Nel contempo è in corso, da parte degli operatori della Polizia Ferroviaria, l’esame dei filmati delle telecamere di sorveglianza presenti a bordo treno, al fine di acclarare l’effettiva presenza delle persone individuate sul convoglio ferroviario ed alla ricostruzione dell’esatta dinamica dei fatti. Tutte le attività suddette sono coordinate dalla Procura della Repubblica di Treviso e dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale dei minorenni di Venezia. 

Il Prefetto di Treviso Laura Lega ha riunito nelle scorse ore il Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica per affrontare, fra gli altri argomenti, la vicenda relativa ai fatti accaduti il 30 settembre scorso a bordo del treno Regionale 5740 che collega Venezia a Bassano del Grappa, dove alcuni giovani individui avrebbero tenuto comportamenti non corretti arrecando disturbo ai passeggeri del convoglio. Al riguardo il Prefetto ha preso atto positivamente che è in fase avanzata l’attività info-investigativa svolta immediatamente e sinergicamente dai militari dell’Arma dei Carabinieri e dagli Agenti della Polfer, con il coordinamento delle Procure della Repubblica competenti, ed ha disposto l’intensificazione dell’attività di vigilanza a bordo di alcune linee ferroviarie per garantire la massima serenità e sicurezza dei viaggiatori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tumore incurabile, il sorriso di Giorgio De Longhi si è spento a 57 anni

  • Diabete e festività: come scegliere i cibi senza rinunce

  • Schianto contro un'auto mentre torna da lavoro, muore operaio 49enne

  • Picchia un bambino per rubargli la borsa della madre: panico fuori dall'asilo

  • Tumore incurabile, papà Fabio muore in pochi mesi a 51 anni

  • Incidente in motorino, Roberto Artuso muore dissanguato in Congo

Torna su
TrevisoToday è in caricamento