Bagliori nella notte fanno pensare ad un mega incendio: ma era "solo" del gas a Marghera

Nella notte tra sabato e domenica sono stati molti coloro che si sono fermati lungo la A27 a causa di alcune luci intense che, apparentemente senza motivo, rischiaravano il cielo

VITTORIO VENETO Forti bagliori  nella notte apparentemente senza motivo e la paura di un mega incendio che inizia a serpeggiare tra chi è testimone dello 'strano fenomeno'. E' successo tutto nella notte tra sabato e domenica, intorno alle 3, e sono stati veramente tantissimi coloro che hanno cercato di capire cosa stesse succedendo e un esempio arriva dall'ex consigliere comunale trevigiano Enrico Renosto: "Stanotte dalla A27 a Vittorio Veneto si vedeva un bagliore nel cielo. Abbiamo seguito la luce strana e siamo arrivati al petrolchimico di Marghera dove due enormi camini dell'Enel stavano bruciando gas...Nel frattempo molte auto si sono fermate lungo l'autostrada per fotografare lo strano fenomeno...tra l'altro all'altezza dell'Area di servizio Piave, in direzione Venezia, c'è persino stato un incidente con un'auto che usciva dall'area di servizio in contromano". Insomma, una 'visione' anomala ma che per fortuna non ha portato a nessun episodio di gravità. Tanta paura e stupore per nulla direbbe qualcuno.

Già visibili comunque anche nei giorni scorsi, è un fenomeno in realtà delle torce accese del petrolchimico di Porto Marghera, dove stanno iniziando le fasi di raffreddamento e spegnimento del cracking e dell'impianto di produzione aromatici necessarie alla loro manutenzione. Il Comune di Venezia avverte la cittadinanza che potrebbero rimanere in funzione a tratti fino al riavvio, programmato per il prossimo 19 ottobre.

SPORADICHE ACCENSIONI PER LO STOP

A generare la fiamma è la combustione dei prodotti provenienti dai cicli produttivi. Sporadiche accensioni sono legate alle fasi preliminari di preparazione alla fermata. I gas inviati a combustione sono costituiti prevalentemente da etilene e propilene e verranno combusti entro i limiti di capacità smokeless delle torce. Le fiaccole rimarranno attive per la combustione di piccole quantità di idrocarburi contenute nei flussi di azoto, utilizzati per la bonifica di sezioni dell'impianto, anche nei giorni successivi alla fermata e fino al riavvio dei cicli produttivi.

PATTO PER LA SICUREZZA

Le società Versalis e Syndial di Eni, simultaneamente, hanno siglato con oltre 50 aziende che operano a Porto Marghera il "Patto per la sicurezza", un vero e proprio contratto che le impegna a garantire l’obiettivo “zero infortuni”. Come confermato dal segretario del sindacato Cgil dei chimici veneziano, Riccardo Colletti, il momento della fermata di un impianto costituisce la fase più delicata per la sicurezza. E negli anni scorsi, proprio in corrispondenza della fermata, si verificarono alcuni incidenti LEGGI L'ARTICOLO.

OBIETTIVO ZERO INFORTUNI

La firma del patto prevede il raggiungimento di obiettivi, sugli infortuni, concreti, misurabili e costantemente monitorati: "Zero infortuni, costante miglioramento degli indici di prestazione delle imprese, cantieri ordinati e puliti, uso corretto dei dispositivi di protezione individuale e delle attrezzature nonché completa integrazione e collaborazione sulla sicurezza", scrive Eni, con il coinvolgimento del Safety Competence Center, il centro di eccellenza sulla sicurezza della società, nel quale operano circa 140 specialisti appositamente formati.

SPETTACOLO TEATRALE

Alla sottoscrizione del “Patto per la sicurezza” ha fatto seguito anche uno spettacolo teatrale, “Il Patto che ti salva la vita”. Una rappresentazione che è un’iniziativa di Versalis e Syndial, alla quale sono stati invitati i dipendenti e i lavoratori delle imprese terze e che ha messo in scena situazioni, personaggi e filmati al fine di mostrare alcuni comportamenti sul lavoro, sulle strade e nella vita quotidiana che possono avere impatto sulla propria incolumità e su quella delle altre persone. L’iniziativa, che è già stata rappresentata a Mantova e a Porto Torres, vede Eni impegnata nella promozione di attività finalizzate a sensibilizzare le persone del territorio che ospita le proprie attività produttive in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Coronavirus, nuovo aumento di casi in Veneto, Zaia: «Sono preoccupato»

  • Salvato dall'annegamento, 20enne muore dopo una settimana di agonia

  • Tragedia di Farra, Vittoria ha donato gli organi: fissata la data dei funerali

  • Scivola e batte la testa dopo un volo di 13 metri: muore a 21 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento