giovedì, 24 luglio 24℃

Manomettevano bancomat usando fermagli: due ricercati

Scoperto dai Carabinieri trevigiani il trucco di due malviventi esperti nella manomissione di bancomat: bloccavano i soldi con un fermaglio nella fessura di erogazione, passando poi a prenderli

Redazione 17 agosto 2012

Non assaltavano bancomat con skimmer e altri prodotti super-tecnologici: si facevano beffa degli istituti di credito con un semplice fermaglio gigante. Un guadagno giornaliero che poteva arrivare anche a 2.000 euro, tutti degli ignari clienti della banca che usavano il bancomat.

I malviventi posizionavano lo strumento rudimentale all'interno della fessura che erogava i soldi e li bloccava. Poi passavano a liberare il bancomat, prelevano i soldi e si recavano velocemente ad un altro sportello elettronico. Colpivano principalmente nel week end.

Si tratta di due rumeni, esperti in manomissione di bancomat. Il capo è M. D., trent'anni e attualmente ricercato in tutta Europa con una lunga carriera alle spalle, mentre il suo sodale è in fase di individuazione. I due girano nel Nord Italia a bordo di una Peugeot grigia.

Hanno aperto un conto corrente presso la filiale di Intesa San Paolo alla stazione dei treni di Milano e si sono fatti dare una carta ricaricabile a nome di M.D., che usavano per prelevare soldi e posizionare i fermagli. I due hanno iniziato a fare prelievi nella Marca trevigiana, ma anche a Padova e Vicenza.

Annuncio promozionale

I Carabinieri invitano a chiamare il 112 nel caso si verificassero problemi con il bancomat.

furti

Commenti