"Ruby ter": vicina l'ora della verità per Silvio Berlusconi e Giovanna Rigato

Giunte in Procura a Treviso le carte riguardo l'inchiesta che vede indagati l'ex presidente del consiglio e la showgirl di Orsago: gli inquirenti chiederanno un nuovo rinvio a giudizio

ORSAGO Si avvicina l'ora della verità per l'ex premier Silvio Berlusconi e l'ex gieffina Giovanna Rigato in merito all'inchiesta “Ruby ter”. Nell'aprile scorso il gup di Milano Anna Laura Marchiondelli, accogliendo in parte le eccezioni di competenza territoriale presentate dalle difese, aveva stralciato le posizioni di alcuni imputati spedendo gli atti alle Procure di competenza. A Treviso sono finalmente giunte le carte riguardanti le posizioni dell'ex presidente del consiglio, accusato di corruzione in atti giudiziari, e della 35enne di Orsago, vittoriese di nascita.

L'accusa formulata dalla Procura di Milano si basa sui presunti pagamenti effettuati da Silvio Berlusconi per “comprare” il silenzio o la reticenza dei testimoni e delle “olgettine”, riguardo alle serate hard di Arcore, accusati a vario titolo di falsa testimonianza e di concorso in corruzione giudiziaria. Il procedimento penale a questo punto ripartirà, per il troncone di competenza, dalle indagini preliminari e il pm di Treviso che lo avrà in carico dovrà formulare una nuova richiesta di rinvio a giudizio. E' probabile che l'udienza preliminare si terrà all'inizio del prossimo anno.

A Milano resta comunque il troncone principale dell'inchiesta, con 24 persone sotto accusa, il cui punto di partenza era stata la famigerata notte tra il 27 e il 28 maggio 2010 passata da Karima El Mahrough in questura a Milano che si era poi conclusa con il rilascio della ragazza, affidata a Nicole Minetti, dopo una telefonata di Silvio Berlusconi. Per concussione e prostituzione minorile, l'ex premier è stato assolto in via definitiva.

E proprio da quell'inchiesta è partito il cosiddetto “Ruby ter”, in cui è implicata la trevigiana Giovanna Rigato. Berlusconi dunque, oltre che dal tribunale di Milano, verrà giudicato per corruzione in atti giudiziari da altri sei palazzi di giustizia: a Treviso appunto (con Giovanna Rigato), a Monza (con Aris Espinosa ed Elisa Toti), a Siena (con il musicista Danilo Mariani), a Roma (con Mariano Apicella), a Torino (con Roberta Bonasia) e a Pescara (con Miriam Loddo).

Laureatasi in relazioni pubbliche e pubblicità nel 2006 alla IULM e diventata giornalista pubblicista nel 2008, la showgirl di Orsago vive in realtà a Milano dal 2002. Dopo le prime esperienze televisive nel corpo di ballo di Natalia Estrada a La sai l'Ultima? e Arrivano i nostri, la notorietà della Rigato arriva con l'ingresso nella casa del Grande Fratello 6, a cui seguono le partecipazioni fisse a Buona Domenica e Questa Domenica.  

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma nei bagni del McDonald's: trovato morto un 44enne, si sospetta l'overdose

  • Virus incurabile, cantante trevigiana muore a 51 anni

  • Dispositivo anti telelaser in auto, maxi multa per un 32enne

  • Frontale tra auto lungo la Postumia: 5 le persone ferite, una è grave all'ospedale

  • Malattia incurabile, farmacista perde la vita a 57 anni

  • Suicidio all'Hotel Treviso, 47enne trovato senza vita nella sua stanza

Torna su
TrevisoToday è in caricamento