Sabato al City Bar di Treviso il caffè si paga con una poesia

In occasione della giornata mondiale della poesia, il City Bar unico locale trevigiano ad aver aderito a "Pay with a poem"

Elena Buca, titolare del City Bar di Treviso

TREVISO Una poesia come moneta di scambio per bere un caffè. Succede a Treviso, all’interno di un locale di viale IV Novembre, il City Bar. In occasione della giornata mondiale della poesia, ha aderito all’iniziativa “Pay with a poem” anche un bar trevigiano, l’unico per il momento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono circa trecento i locali in tutta Italia che parteciperanno. Una tazzina di caffè Julius Meinl, marchio austriaco, costerà un paio di versi, una strofa, oppure un’intera poesia. L’iniziativa, che prende spunto dallo stesso caffè nato a Vienna, definito il "caffè dei poeti perché apprezzato e amato dai grandi artisti del Novecento, ha lo scopo di liberare il poeta che c’è in ognuno di noi, pagando un espresso solo con la fantasia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Laurea in Medicina a Treviso: Governo impugna la legge del Veneto

  • Vasto incendio da "Vaka Mora": a fuoco 500 balle di fieno

  • Malattia fulminante spegne la vita della piccola Nicole a soli 12 anni

  • Scompare all'improvviso da casa, il biglietto ai genitori: «Non venitemi a cercare»

  • Apre a Oderzo il Würth Store, negozio con oltre 5 mila prodotti professionali

  • Ricerche sui terremoti, trevigiano premiato dall’ETH di Zurigo

Torna su
TrevisoToday è in caricamento