Rubano un'auto con dentro un bimbo e si schiantano: tre ladri in manette, erano ubriachi

È successo nella serata di venerdì 6 dicembre a Candiana: il proprietario dell'auto e padre del bambino ha provato a fermarli aggrappandosi alla portiera ed è stato trascinato per alcuni metri dai malviventi. Tra i malviventi Kim Cari, di Salgareda

L'auto rubata

Poteva davvero finire in tragedia: un 26enne, un 23enne e un 19enne (tutti pregiudicati, tra cui Kim Cari, di Salgareda) sono stati arrestati dai carabinieri per rapina impropria, lesioni personali e resistenza. È successo nella serata di venerdì 6 dicembre a Candiana: i tre malviventi, giunti in via Rialto a bordo di una Fiat Punto, hanno subito adocchiato la Peugeot 307 di un operaio 42enne del posto, intenzionati a rubarla. E così è stato: nel giro di pochissimi secondi il 23enne si fionda sull'auto rimasta aperta e tenta la fuga a tutto gas non accorgendosi che sul sedile posteriore c'è un bambino di 8 anni. Il cui padre, senza pensarci un solo istante, si lancia all'inseguimento a piedi riuscendo ad aggrapparsi a una portiera nel tentativo di bloccare il ladro. Il risultato, invece, è che viene trascinato per qualche metro prima di perdere la presa. Sembra tutto perduto, e invece dopo poco il 23enne alla guida dell'auto rubata tampona la Fiat Punto dei complici: il terzetto decide quindi di provare la fuga a piedi, ma tutti i componenti vengono prontamente bloccati dai militari dell'Arma, giunti sul posto in massa. Le analisi hanno stabilito che i tre delinquenti erano ubriachi: per loro sono scattate le manette. Grosso spavento per il bimbo e suo padre, visitati al pronto soccorso.

Il video della cattura su Facebook

Il video, che dura poco meno di due minuti, immortala gli attimi immediatamente successivi all'incidente ed è stato pubblicato sul proprio profilo Facebook da Andrea Ostellari, senatore della Lega e presidente della Commissione Giustizia a Palazzo Madama. Il quale aggiunge parole di fuoco sull'accaduto: «Il nostro Paese ha bisogno di sicurezza e di una giustizia che funzioni. Italiani o meno, i signori che hanno seminato il panico ieri sera nel padovano meritano una pena esemplare. La nostra Provincia sta diventando come il Far West: invece di smantellare i decreti Salvini, il ministro che doveva portare sicurezza nelle città esca dal palazzo e venga a vedere come vivono le persone normali, da Noventa, a Candiana, a Padova. Un grande abbraccio ad un papà coraggioso, che è stato trascinato sull’asfalto per cercare di salvare suo figlio: lui è un uomo vero. Grazie anche ai Carabinieri e alle Forze dell’ordine, che fanno sempre il possibile, e anche di più».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Nuovi contagi da Coronavirus nella Marca: in tre positivi al test sierologico

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Sbaglia il tuffo da un pontile di Jesolo: grave un 19enne, rischia la paralisi

Torna su
TrevisoToday è in caricamento